Economia

Banche, risparmiatori delusi dall’incontro di Roma

Roma – “Forti perplessità a causa dei molti paletti inseriti nella norma dei rimborsi, a fronte del miliardo e mezzo tanto sbandierato”. E’ il giudizio delle associazioni dei risparmiatori truffati dalle banche, quelli che hanno perso i risparmi insomma nei crack ad esempio delle banche venete, che da anni sperano di avere un rimborso e che da altrettanti anni vengono puntualmente delusi. Eppure solo pochi mesi fa, Luigi Ugone, presidente della associazione Noi che credevamo nella Banca Popolare di Vicenza, sembrava ottimista giudicando di aver trovato interlocutori attenti e sensibili negli uomini del nuovo governo, uscito dalle urne del 4 marzo.

I vari incontri avuti, ad esempio conMatteo Salvini, lo avevano lasciato sperare… Ebbene il tono è notevolmente cambiato oggi, almeno sulla base dell’incontro che le associazioni dei risparmiatori hanno avuto ieri con i sottosegretari Bitonci e Villarosa per discutere sulla norma dei rimborsi. La nota in proposito diffusa parla di un clima dell’incontro poco sereno dell’incontro.

“Riteniamo – scrivono ancora Ugone, Andrea Arman, del Coordinamento don Enrico Torta, e Letizia Giorgianni, di Vittime del Salvabanche, – che a questo punto occorra un incontro risolutivo con i vicepremier Salvini e Di Maio, anche in considerazione di quella famosa norma che, a fronte del parziale e insoddisfacente rimborso agli azionisti farebbe da scudo a banche e organi di vigilanza.

“Durante l’incontro di ieri, infatti – concludono -, non sono state date giustificazioni sufficienti per comprendere esattamente come siano andate le cose, se non la motivazione della solita manina che modifica i decreti al Mef. Quindi, per tutti i motivi elencati, e a garanzia delle modifiche migliorative che sarà opportuno richiedere per la norma, le associazioni dei risparmiatori, qui unite, richiedono ufficialmente di incontrare i ministri Salvini e Di Maio”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button