Breaking News
Il ministro per la famiglia Lorenzo Fontana - Foto Parlamento Europeo (CC BY-NC-ND 2.0)
Il ministro per la famiglia Lorenzo Fontana - Foto Parlamento Europeo (CC BY-NC-ND 2.0)

“Premio al ministro Fontana che non si doveva dare”

La segretaria provinciale del Partito Democratico di Vicenza Chiara Luisetto interviene commentando la premiazione del ministro Lorenzo Fontana, a Bassano, da parte del movimento culturale internazionale Rinnovamento nella Tradizione

*****

Bassano del Grappa – Nei giorni scorsi il ministro Lorenzo Fontana è stato insignito del Premio per la Cultura Mitteleuropea dalla Delegazione “Beato Carlo I” del movimento culturale internazionale “Rinnovamento Nella Tradizione – Croce Reale”. La motivazione del premio è legata al suo “noto e coraggioso impegno a sostegno dell’identità culturale dell’Europa, delle radici cristiane della stessa e a difesa della famiglia, delle minoranze, delle persone deboli nel contesto odierno, secondo quelli che sono pure gli ideali di croce reale-rinnovamento nella tradizione”.

Suona quantomeno fuori luogo una assegnazione di questo tipo a un politico che si è scagliato contro i diritti civili faticosamente conquistati in questi anni, che ha negato l’esistenza delle famiglie arcobaleno, che ha ipotizzato di mettere in discussione la legge 194 e che certamente non si è posto a difesa delle minoranze e di chi ha lottato per decenni subendo discriminazioni e isolamento sociale.

La stessa dottrina cristiana fa del rispetto e dell’inclusione la linfa dalla quale trarre forza per costruire vicinanza a chi viene emarginato per la propria condizione o le proprie scelte. Credo che nell’approssimarsi del 25 novembre, data simbolo della lotta contro la violenza alle donne, una migliore assegnazione di questo premio, dalle motivazioni così importanti, si sarebbe non solo potuta ma dovuta valutare. Nell’attesa che il ministro chieda scusa ai tanti cittadini umiliati ed offesi dalle sue continue dichiarazioni.

Chiara Luisetto – Segretaria provinciale Partito Democratico di Vicenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *