Breaking News

Vicenza, Gianfranco Vivian alla guida di Aim

Vicenza – Gianfranco Vivian è il nuovo amministratore unico di Aim. Lo ha annunciato questa mattina il sindaco di Vicenza, Francesco Rucco, durante l’assemblea dei soci. Commercialista vicentino vicino alla Lega, Viavian prende il posto di Umberto Lago e la scelta del suo nome è tutt’altro che una sorpresa dato che era una ipotesi che si faceva praticamente fin dal giorno dopo le elezioni che hanno sancito il cambio di maggioranza nell’amministrazione comunale berica.

“Bene la nomina al vertice di Aim di Vivian – ha commentato a caldo Simona Siotto, capogruppo consiliare della lista Ruccosindaco -. Ora si proceda alla revisione di tutte le società partecipate con nuovi profili che rappresentino la nostra idea di città. Il nome di Gianfranco Vivian, stimato professionista vicentino, conferma la linea di serietà e di controllo che questa amministrazione vuole perseguire in primis sulla holding, sulle partecipate Aim, ed in generale sulle società direttamente o indirettamente partecipate dal Comune di Vicenza”.

“Anche aver scelto – continua Siotto – la formula dell’amministratore unico anziché quella del consiglio di amministrazione significa risparmiare sui compensi, evitare la logica del poltronificio ed avere una governance più snella e veloce, oltre le liturgie delle assemblee. E’ un primo passo, che va coordinato con la scelta di aver commissionato la due diligence, istanza che prima la lista Ruccosindaco e poi il gruppo consiliare hanno sempre sostenuto, allo scopo di avere contezza e certezza dei dati di bilancio che fortemente incidono sull’equilibrio della città e sul futuro.”

“Ma non basta. Insieme al collega Lunardi riteniamo indispensabile procedere a marce forzate alla revisione di tutti i collegi sindacali in un’ottica di ulteriore controllo e verifica efficace ed effettiva. Nulla di personale, ed è bene chiarirlo subito sugli attuali professionisti in carica, ma occorre da un lato contemperare gli equilibri politici delle recenti elezioni e dall’altro avere certezza che chiunque sia stato nominato o venga in futuro nominato svolga il proprio ruolo professionale ed istituzionale in un’ottica di crescita, sviluppo e di effettiva terzietà”.

“C’è un programma politico amministrativo – conclude la capogruppo di Ruccosindaco – su cui si sono pronunciati i cittadini a giugno che ha una visone di sostanziale discontinuità rispetto all’amministrazione Variati e chi rappresenta il Comune di Vicenza deve, a tutti i livelli, riprodurre l’idea di città su cui abbiamo rotto il monopolio del centrosinistra che durava da dieci anni. Visione diversa che può essere rappresentata solo da persone diverse, non ci sono persone buone per tutte le stagioni ed è importante fare, definitivamente, chiarezza”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *