Breaking News
Elsa Fornero nel 2012 - Foto di Niccolò Caranti (CC BY-SA 3.0)
Elsa Fornero nel 2012 - Foto di Niccolò Caranti (CC BY-SA 3.0)

Valdagno, le pensioni in un incontro con Elsa Fornero

Valdagno – Si parla di economia e di pensioni questa sera a Valdagno, nell’incontro che si terrà alle 20.30, a Palazzo Festari, con un ospite molto noto e controverso: Elsa Fornero. L’ex ministro del Lavoro del governo Monti, autore della “famigerata” riforma delle pensioni che porta il suo nome, presenterà il suo libro dal titolo “Chi ha paura delle riforme. Illusioni, luoghi comuni e verità sulle pensioni”, dialogando con Paolo Gubitta, docente dell’università di Padova e del Cuoa, durante una serata organizzata da Guaxinet. L’incontro è ad ingresso libero fino ad esaurimento posti.

Elsa Fornero è nota al grande pubblico soprattutto per il suo periodo da ministra e per la riforma delle pensione, ma bisogna ricordare che è un economista e docente di Economia politica presso l’università di Torino. È anche coordinatore scientifico del Cerp (Center for research on pensions and welfare policies), progetto congiunto dell’università torinese e della Compagnia di San Paolo presso il Collegio Carlo Alberto di Torino.

Oltre a quello di ministro nel governo Monti, ha ricoperto vari incarichi istituzionali, anche a livello internazionale, tra i quali quello di membro della commissione di esperti valutatori presso la World Bank, di membro del Comitato scientifico di Confindustria, del Consiglio direttivo della Società italiana degli economisti.

Paolo Gubitta invece è professore ordinario di Organizzazione aziendale e imprenditorialità, oltre che vicedirettore del Dipartimento di scienze economiche e aziendali “Marco Fanno” dell’università di Padova. I suoi interessi di ricerca riguardano il fenomeno imprenditoriale e lo sviluppo delle imprese familiari, la formazione del capitale umano e le trasformazioni del lavoro. E’ anche consigliere di amministrazione della Fondazione Zancan, componente dell’advisory board di Global Shapers Venice Hub e del comitato di selezione del Premio Gaetano Marzotto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *