Breaking News

Arzignano, è rottura. Forza Italia va all’opposizione

Arzignano – “La stagione del cambiamento ad Arzignano è già iniziata, con la rottura di un patto con gli elettori, che ci aveva portato a mietere due vittorie consecutive per la coalizione di centrodestra, e l’inspiegabile deriva che ha portato il nostro partito a prendere atto, dopo una serie di provocazioni culminate nella revoca dell’assessore Niccolò Sterle, che non ci sono più le condizioni per governare con il sindaco Giorgio Gentilin”.

A parlare così è il segretario di Forza Italia di Arzignano, Marco Bernabè, che annuncia dunque l’uscita degli azzurri dalla maggioranza che regge il comune e sostiene il sindaco Gentilin. Sullo sfondo si profila anche una presa di distanza dalla Lega, una sorta di divorzio tra quella che era la componente principale del centrodestra e l’altra che invece lo è diventata nell’ultimo anno, e che forse ritiene ormai di poter fare a meno del vecchio alleato. “Non sceglieremo la via della facile polemica – prosegue Bernabè -, né quella della risposta dura a chi sta costruendo un racconto molto lontano dalla verità. Qualcuno pensa di essere autosufficiente per tornare a vincere, ma noi pensiamo ad un progetto nuovo per Arzignano”.

“Forza Italia – aggiunge, parlando ancora più chiaro, Sterle – da oggi esce dalla maggioranza che amministra la nostra città ed avvia un percorso di costruzione del cantiere dei moderati che continuano a riconoscersi in un altro modo di essere centrodestra, in una nuova storia che assomiglia a quella che avevamo realizzato dieci anni fa, ma che, per esempio, non preveda derive autoritarie. Da oggi siamo in opposizione e vigileremo sul mantenimento del programma amministrativo su cui ci eravamo impegnati con gli elettori, non sarà un’opposizione personale né polemica a prescindere, ma costruttiva nell’interesse della città. Ho ricevuto l’incarico di coordinare i lavori della lista di Forza Italia e questo sarà il mio impegno per i prossimi mesi”.

“Il centrodestra che abbiamo in mente – torna a dire Bernabè – è lontano dai personalismi e attento ai bisogni e alle aspettative del territorio, alimenta le migliori ispirazioni e non cede alle facili demagogie dei pifferai che raccontano storie di fantasia. Da oggi saremo a presidio del territorio per far sentire la nostra presenza ai cittadini che sono, come noi, rimasti orfani di una dirigenza politica moderata ed equilibrata, e che vogliono tornare ad essere rappresentati adeguatamente. Non ci volteremo dall’altra parte ma continueremo a fare la nostra politica anche fuori dalle logiche di una maggioranza della quale non troviamo più il senso”.

“Inizia – conclude il segretario di Forza Italia – una nuova stagione di passione civile e politica per chi pensa che anche ad Arzignano sia possibile fare di più e meglio. Possiamo fare meglio di quello che abbiamo fatto finora, possiamo andare oltre lo schema di centrodestra degli ultimi anni e ripartire con nuove geometrie e nuove suggestioni, senza rinnegare il lavoro che insieme agli altri abbiamo prodotto ma che oggi è già il passato,  con la certezza che ci sia ancora lo spazio per una Arzignano più bella, più pulita, ma soprattutto più libera”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *