Breaking News
Arzignano chiede di nuovo un'acqua a Pfas zero

Arzignano, assessore si dimette. E’ resa dei conti?

Arzignano – E’ iniziata la campagna elettorale 2019 ad Arzignano, con notevole anticipo e soprattutto con il coltello tra i denti. Ma a guardarsi in cagnesco non sono maggioranza e opposizione, centrodestra e centrosinistra, come avremmo detto un tempo. Il duello ora è tutto interno all’attuale maggioranza che sostiene il sindaco Giorgio Gentili, a suo tempo eletto nella colazione di quello che era il centrodestra. Adesso infatti non si è più sicuri che la coalizione ci sia ancora…

Mattia Pieropan
Mattia Pieropan

Qualche giorno fa infatti il sindaco ha tolto la delega ad un assessore, Nicolò Sterle, di Forza Italia, per uno “snellimento” della giunta. La cosa, naturalmente, non è stata presa bene da Forza Italia, ed anche da altri assessori. Oggi, in risposta, sono arrivate le dimissioni di un altro assessore, duramente critico con Gentilin, Mattia Pieropan, civico della lista Nuova Arzignano, che ha reso pubblica la sua decisione con un documento che ha tanto il sapore di un manifesto elettorale per le prossime amministrative, che ad Arzignano saranno appunto nella primavera del 2019.

“In una amministrazione comunale – scrive Pieropan – contano le soluzioni che trovi ai problemi quotidiani dei cittadini e non l’appartenenza di chi le propone. Il contrario di quello che è successo negli ultimi giorni ad Arzignano, dove un assessore, riconosciuto da tutti come dinamico e competente, è stato destituito senza condivisione e con un percorso autoritaristico da parte del primo cittadino”. Ed ancora: “Gli incarichi agli assessori sono fiduciari e non devono essere legati all’appartenenza ad un partito. Non mi si può chiedere di aderire a un partito per mantenere la mia sedia. In politica, come nella vita, ci vuole coerenza e chiarezza. Oggi, senza polemica ma con fermezza, facciamo chiarezza”.

Giorgio Gentilin
Giorgio Gentilin

Non si è fatta attendere la risposta del sindaco Gentilin, che rileva subito come sia, in questo modo iniziata la campagna elettorale. “Come immaginavamo da mesi – scrive in una nota Gentilin -, Pieropan non è riuscito ad accettare che le migliori e più performanti candidature a sindaco fossero proposte dalla Lega. Pertanto, ci dispiace ma prendiamo atto che da oggi Pieropan è a tutti gli effetti fuori dalla nostra coalizione di centrodestra”.

“Da sempre – conclude il sindaco -, la mia squadra guarda agli obiettivi concreti per la città e non siamo interessati ai personalismi dei singoli. E’ inoltre chiarissimo, che con Pieropan non ci potrà essere nessuna forma di alleanza, né ora, né in immaginari ballottaggi. Lui ha scelto la sua strada personale e solitaria, che è completamente diversa dalla nostra solida idea di coalizione ampia ed eterogenea. Pertanto gli auguriamo buona fortuna. Nei prossimi giorni, cogliendo l’occasione delle sue dimissioni, ottimizzerò la giunta con il giusto vigore e dinamismo”

I giochi sono iniziati dunque, e c’è da scommettere che questo non sia vero solo per Arzignano o per poche realtà. Lega e Forza Italia insomma sono destinate ad una resa dei conti nei prossimi mesi. la prima certamente vorrà consolidare il proprio predominio nella coalizione, mentre la seconda non vorrà ridursi al ruolo di comprimaria. Saranno gli elettori a decidere, ma “zoccoli duri” no ce ne sono più. Siamo nei tempi dell’elettorato “liquido”, faranno bene a ricordarlo un po’ tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *