Breaking News
L’ex tribunale di Vicenza
L’ex tribunale di Vicenza

Vicenza verso il recupero degli immobili comunali

Vicenza – Il sindaco di Vicenza, Francesco Rucco, e l’assessore con delega al patrimonio Isabella Dotto hanno dato il via oggi, iniziando dall’ex tribunale, in contra’ Santa Corona, ad una serie di sopralluoghi per verificare lo stato di conservazione di alcuni tra i più significativi immobili di proprietà comunale del centro storico cittadino, con l’obiettivo di elaborare un piano per la loro valorizzazione.

Francesco Rucco
Francesco Rucco

“Partiamo da qui – ha spiegato il sindaco – perché all’ex tribunale vorremmo realizzare il nostro primo progetto di valorizzazione degli immobili comunali. Su dodicimila metri quadrati a disposizione, contiamo di utilizzarne circa cinquemila per ospitare la Biblioteca Bertoliana, al piano terra e al primo piano, e di dislocare all’ultimo piano alcuni uffici comunali. Questo luogo è strategico, poiché ha un parcheggio nel cortile interno. Presto sarà anche liberato l’edificio a San Biagio, ora occupato dall’unico dipendente di Cercando il lavoro. Per quanto riguarda gli altri edifici strategici, cercheremo il percorso amministrativo più adeguato”.

Isabella Dotto
Isabella Dotto

E’ stata anche stilata una prima mappatura dei 1770 immobili comunali, comprensivi di alloggi di edilizia residenziale pubblica, di chiese, cimiteri, scuole e di edifici storici, collocati sia in centro che nei quartieri. Un lavoro fatto fino ad ora sulla carta e che, a partire da oggi, viene verificato con sopralluoghi. L’assessore Isabella Dotto invece, assieme ai dirigenti Mauro Bellesia e Ruggiero Di Pace e al tecnico Michela Piron, ha visitato l’ex Aci, a San Biagio, e le sedi della Biblioteca Bertoliana, a Palazzo Cordellina, Palazzo San Giacomo e Palazzo Costantini.

“Per realizzare il nostro progetto di valorizzazione immobiliare – ha detto l’assessore – abbiamo bisogno di conoscere lo stato degli edifici di proprietà comunale, e per capire questo ho iniziato oggi la verifica con i tecnici per stilare un elenco completo e dettagliato. Ci siamo già resi conto che alcuni immobili hanno bisogno di manutenzione straordinaria e, su alcuni di essi, siamo stati costretti ad intervenire fin da subito, per garantirne la conservazione ma anche l’incolumità di cittadini e dipendenti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *