Breaking News

Nuova stagione teatrale al Comunale di Thiene

Thiene – La famiglia, le relazioni tra i suoi membri e le dinamiche di coppia sono i temi principali della nuova stagione di prosa, la 39esima, del Teatro comunale di Thiene, al via il 6 novembre. Il cartellone di quest’anno comprende sei commedie e quattro drammi, replicati per tre serate (tutti con inizio alle 20.45), e propone anche tre appuntamenti fuori abbonamento. Oltre ad uno spettacolo musicale, “Massimo Lopez & Tullio Solenghi Show” (22 gennaio) si è deciso di puntare sulla novità, con due famose compagnie internazionali: Familie Flöz proporrà lo spettacolo di mimo “Teatro Delusio” (10 febbraio 2019), mentre Gandini Juggling porterà sul palco l’arte della giocoleria in “Smashed” (primo marzo).

Ad aprire la stagione thienese, martedì 6 novembre, saranno Lorella Cuccarini e Giampiero Ingrassia, interpreti della commedia sulla famiglia “Non mi hai più detto ti amo”, scritta e diretta da Gabriele Pignotta, replicata mercoledì 7 e giovedì 8. Il 20, 21 e 22 novembre, Giuseppe Fiorello, dopo il successo della miniserie televisiva “Volare”, tornerà a vestire i panni di Domenico Modugno in “Penso che un sogno così…”. Uno spettacolo musicale in cui i ricordi della vita del grande cantautore pugliese si intrecciano con la storia e il vissuto personale dell’attore siciliano. Ad arricchire la serata due musicisti che, con chitarra e voce, accompagneranno lo spettacolo.

Luisa Ranieri sarà la protagonista del terzo appuntamento “The deep blue sea” (4, 5, 6 dicembre), tratto dall’omonima pièce di Terence Rattigan. L’attrice, diretta dal marito Luca Zingaretti, sarà Ester, una sorta di Madame Bovary al profumo di Londra, che metterà in discussione il vincolo del matrimonio e le sicurezze economiche per inseguire una passione irrefrenabile, una libertà mai provata prima. Il 18, 19 e 20 dicembre Isa Danieli e Giuliana De Sio daranno vita a “Le signorine”, una commedia di Gianni Clementi, per la regia di Pierpaolo Sepe, che racconta la storia di due sorelle zitelle, Addolorata e Rosaria, tra le quali qualsiasi circostanza o avvenimento diventa argomento di animata discussione: Rosaria domina, Addolorata subisce, finché un inaspettato episodio sembra capovolgere i ruoli.

“Cognate” di Èric Assous, è il titolo dell’appuntamento del 15, 16 e 17 gennaio 2019: uno spettacolo corale, con sette attori in scena, tra i quali Anna Valle, Guenda Goria e Anna Zago, che racconta un conflitto familiare. “Tutto – ha raccontato Piergiorgio Piccoli, che ha curato la regia assieme ad Aristide Genovese -, inizia con qualche dubbio riguardo alla sincerità dei personaggi e da lì si sviluppa un conflitto familiare su più fronti: fra coppie, ma anche fra fratelli e cognate, con alternanza di guerra e coalizioni”.

Michele Placido e Anna Bonaiuto proporranno al pubblico “Piccoli crimini coniugali” (29, 30 e 31 gennaio), di Emmanuel Schmitt, una pièce che narra la storia di due coniugi di mezza età, senza figli, impegnati a chiarire il mistero sulle cause dell’amnesia che ha colpito il marito. Il 19, 20 e 21 febbraio, invece, Glauco Mauri e Roberto Sturno daranno vita a “I Fratelli Karamazov”, di Fëdor Dostoevskij. “La trama del romanzo dello scrittore russo – ha spiegato il regista, Matteo Tarasco – si sviluppa attorno alle vicende dei membri della famiglia Karamazov, una famiglia segnata da litigi, violenze, incomprensioni; da un odio che può giungere al delitto, e che, oggi, appare un esempio di questa nostra società incline all’incapacità di comprendersi e aiutarsi”.

In marzo, il 12, 13 e 14, Alessio Boni vestirà i panni di “Don Chisciotte”. Il copione di questo spettacolo, liberamente ispirato al romanzo di Miguel de Cervantes, è in via di scrittura, e c’è quindi un alone di mistero su come il personaggio descritto dallo scrittore spagnolo sarà presentato al pubblico thienese. Il penultimo appuntamento del cartellone (26, 27 e 28 marzo) sarà con “La bisbetica domata” di William Shakespeare, nell’adattamento e traduzione di Angela Demattè. Questa commedia, fatta di amore e interesse, finzione e travestimento, sarà portata sul palco del Comunale dalla compagnia LuganoInScena. In scena non ci saranno donne, ma solo uomini, secondo i dettami del teatro elisabettiano.

A chiudere la rassegna ci penserà un poker di attori di grande esperienza e bravura: Gigio Alberto, Filippo Dini, Giovanni Esposito, Valerio Santoro e Gennaio di Biase, impegnati in “Regalo di Natale” (9, 10 e 11 aprile), adattamento teatrale, di Sergio Pierattini, dell’omonimo film di Pupi Avati del 1986. Lo spettacolo racconta le vicende di quattro amici di vecchia data che, la notte di Natale, si incontrano per una partita di poker, nella quale viene coinvolto anche un un ricco avvocato, invitato solo per avere un pollo da spennare.“Sul tavolo verde – ha spiegato il regista – oltre ai soldi, ci sono i problemi dei partecipanti: mentre giocano fanno un bilancio della loro vita ed emergono così fallimenti, bugie, tradimenti, inganni e sconfitte”.

Chiudiamo con una nuova proposta dedicata agli under 30 e realizzata grazie al contributo della Camera di Commercio, dal titolo “Una poltrona per 2 euro”, con un totale di mille biglietti, in vendita a 2 euro, per i giovani. Una iniziativa che rafforza la volontà di avvicinamento al teatro delle giovani generazioni, già avviata con il progetto, sponsorizzato dall’associazione di volontariato Lions Club Thiene host, che prevede la messa a disposizione di 500 biglietti gratuiti per gli studenti dell’ultimo anno delle scuole superiori. Per ulteriori informazioni ci si può rivolgere al Servizio promozione eventi culturali e turistici dell’Ufficio cultura del Comune, in piazza Ferrarin a Thiene.

Ilaria Martini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *