Breaking News
Scuola, nuovi indirizzi anche green in Veneto

Sette miliardi per l’edilizia scolastica in Italia

Venezia – “L’aver pensato di mettere a norma gli edifici frequentati dai nostri figli e di reperire subito nel bilancio statale sette miliardi di euro è una buona notizia, il segno di un governo civile che mette al primo posto la sicurezza e il benessere delle nuove generazioni”.

Così il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, che oggi ringrazia pubblicamente il ministro dell’Istruzione, Marco Bussetti, per l’impegno di voler monitorare le condizioni edilizie delle oltre 40 mila strutture scolastiche esistenti in Italia e di mettere a disposizione di Comuni e Province sette miliardi per la messa a norma degli edifici dedicati all’istruzione e formazione.

“Apprezziamo questo impegno – ha aggiunto Zaia – perché scuole sicure, belle, funzionali e a norma dovrebbero essere il primo biglietto da visita di un paese civile: è sui banchi di scuola che si impara il senso dello Stato, l’appartenenza ad una comunità e il senso di rispetto verso la cosa pubblica”.

“Il Veneto non si fa trovare impreparato – conclude Zaia – perché si è dotato da tempo di una anagrafe regionale degli edifici scolastici, costruita in collaborazione con Comuni, Province e Città metropolitana, ed è abituato a pianificare, con piani triennali, le priorità di intervento, attivando tutte le risorse disponibili, compresi i fondi della banca europea per gli investimenti. Il piano regionale vigente (2018-2020)  contempla 216 interventi di adeguamento sismico, messa a norma, eliminazione del rischio e adeguamento alla normativa antincendio in altrettante scuole del territorio regionale, di ogni ordine e grado, per un valore complessivo di 314 milioni di euro, di cui 215 attesi dal Ministero per l’istruzione e la ricerca. Siamo quindi pronti, con progetti già approvati e cantierabili, ad impiegare al meglio le risorse che il ministero renderà disponibili”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *