Breaking News
Venezia, Palazzo Balbi, sede della Giunta regionale - Foto: Alma Pater (CC)
Venezia, Palazzo Balbi, sede della Giunta regionale - Foto: Alma Pater (CC)

Pfas, la Regione corregge le affermazioni di Miteni

Dalla Regione Veneto riceviamo e pubblichiamo una serie di precisazioni in merito alle comunicazioni diffuse oggi dell’azienda Miteni riguardo agli esiti della Conferenza di servizi tenutasi ieri, su convocazione del sindaco di Trissino. Anche l’assessore regionale all’Ambiente, Gianpaolo Bottacin, è intervenuto oggi per precisare che è stata la Regione ad imporre all’azienda Trissinese la bonifica del suo sito…

*****

Venezia – Nel corso della Conferenza di servizi di ieri, il professor Giampietro Beretta, del dipartimento di Scienze della Terra dell’Università di Milano, in qualità di consulente incaricato dalla Regione del Veneto, ha presentato la sua relazione sull’assetto idrogeologico della falda sottostante la Miteni, elemento fondamentale per poter presentare il programma di bonifica della falda. La relazione del professor  Beretta ha posto termine a una serie di atteggiamenti dilatori di Miteni, che erano legati a presunte carenze conoscitive di carattere idrogeologico.

A seguito della relazione del professor Beretta, su proposta della Regione, condivisa con gli altri enti presenti in Conferenza di servizi, è stato imposto alla ditta Miteni di presentare il progetto di bonifica della falda e dei suoli entro 60 giorni, a far data da ieri, 4 settembre 2018. E’ stato inoltre chiesto di presentare uno studio di analisi del rischio, tale da garantire l’assenza di rischio sanitario per le maestranze e tutte le persone che, a qualsiasi titolo, frequentano l’area in questione. Su tali aspetti sarà coinvolta la Ulss 6 di Vicenza, che partecipava alla Conferenza di servizi.

Si smentisce l’ipotesi avanzata che i carotaggi imposti dalla Regione del Veneto per la maglia 10×10, svolti ovunque nello stabilimento nei mesi scorsi per ricercare ipotetici rifiuti interrati, possa aver creato delle falle nella superficie impermeabile. Ciò in quanto l’inquinamento dalle attuali produzioni è stato riscontrato anche fuori dall’area Miteni ed è sicuramente antecedente all’esecuzione dei carotaggi. In ogni caso, si ricorda che è responsabilità esclusiva di chi esegue le indagini far sì che non venga creato un rischio ambientale aggiuntivo.

L’Arpav – come precisa Nicola dell’Acqua, presidente della specifica commissione ambiente e sanità istituita dalla giunta regionale – ha appena segnalato alla Provincia di Vicenza il fatto che non vi sono falle, ma che c’è un inquinamento ambientale riferibile agli ultimi quattro anni di attività, il che prova che le attività in questione non sono state svolte in un quadro di sicurezza ambientale. La Regione Veneto ricorda infine che, attualmente, numerose produzioni alla Miteni sono sospese e che Arpav sta procedendo, in collaborazione con la Procura della Repubblica, a ulteriori atti istruttori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *