Breaking News
I protagonisti della rievocazione: Oldrada, Rinaldo d’Angaran, Lionora, Vieri da Vallonara
I protagonisti della rievocazione: Oldrada, Rinaldo d’Angaran, Lionora, Vieri da Vallonara

Al via la Partita a scacchi di Marostica

Marostica – C’è attesa per la nuova edizione della Partita a scacchi di Marostica a personaggi viventi, in programma per domani, venerdì 7, alle 21, sabato 8 (sempre alle 21) e domenica 9 settembre (ore 17 e ore 21). A queste tre rievocazioni della celebre partita si deve aggiungere una prova generale in costume, quest’oggi, giovedì 6 settembre, riservata ai familiari dei figuranti, creata per contenere le numerose richieste di vendita dei biglietti, che preannunciano una edizione da record. Sono infatti attese ben 15 mila persone.

Organizzato da Associazione Pro Marostica, in collaborazione con l’amministrazione comunale e con il contributo di Regione del Veneto, lo spettacolo coinvolge 600 figuranti, 100 tecnici e oltre 300 volontari, dando vita ad una grande rappresentazione collettiva. Una rievocazione che negli anni ha mantenuto inalterato il fascino della sua leggenda, rinnovandosi ad ogni edizione. Numerose le novità di questa edizione, la sessantaquattresima. Oltre ad un intervento artistico a sorpresa prima dell’inizio dello spettacolo, il regista Maurizio Panici, dal 2010 alla guida della rievocazione, ha ideato un prequel della partita che, proiettato sulla facciata del Castello inferiore, racconterà l’antefatto della leggenda.

“La Partita a scacchi – spiegano inoltre gli organizzatori – si allinea alle più avanzate tecnologie dello spettacolo, per valorizzare la messa in scena del libretto teatrale, firmato da Mirko Vucetich, e per rispondere alle esigenze di un pubblico sempre più qualificato. Oltre alle nuove e moderne tribune per il pubblico, che hanno permesso di aumentare il numero di spettatori, si testeranno nuovi service tecnici, dalle luci all’impianto audio, con un potenziamento anche della sicurezza. Dal punto di vista scenico, l’attenzione si è concentrata nella valorizzazione di ogni dettaglio, con il recupero di tutte le figure previste dal testo teatrale e con la realizzazione di nuovi costumi e la messa a lucido di corazze ed elmetti del corpo degli armati”.

“In attesa di vedere sulla scena le nuove Lionora (Elisa Scanagatta) e Oldrada (Giulia Bertacco) e i rispettivi pretendenti Vieri da Vallonara (Alessandro Dal Ponte) e Rinaldo d’Angaran (Riccardo Corosu), si annuncia che la partita giocata sulla scacchiera sarà l’Immortale di Andersen (Londra, 21 giugno 1851), l’ultimo e forse il più grande maestro della scuola romantica. Si tratta della partita giocata nella prima edizione del 1923, con 23 bellissime mosse”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *