Breaking News

Femminicidi, Guarda: “Servono progetti concreti”

Venezia – “Come politici non possiamo che accogliere l’urlo di dolore che la comunità esprime di fronte ai femminicidi, ma senza rimanere inerti di fronte all’ennesima tragedia. I femminicidi sono una vera emergenza e vanno affrontati come tale, con un’azione a 360 gradi”. A dirlo è la consigliera regionale della Lista Amp Cristina Guarda, commentando l’uccisione di una 33enne a Lonigo da parte del marito, già ai domiciliari per violenze nei suoi confronti.

Cristina Guarda
Cristina Guarda

“Dopo il caso Pfas – continua Guarda -, purtroppo i riflettori si accendono sulla mia città per un altro episodio negativo e sconvolgente. Non è sufficiente esprimere a posteriori il cordoglio, occorre agire soprattutto sulla prevenzione facendo un lavoro culturale. Devono essere garantite adeguate risorse e rafforzate tutte quelle realtà che operano al servizio delle donne vittime di violenza, specialmente per quanto riguarda l’aspetto legale. La maggior parte degli episodi avviene all’interno delle mura domestiche o in un ambito familiare, per cui è complicato per le vittime denunciare: esiste una violenza sommersa che non riusciamo ancora a raggiungere e superare. Compito delle istituzioni è sostenere le realtà che possono aiutare le donne vittime e garantirne il radicamento territoriale. Ma il lavoro di prevenzione va fatto anche nei confronti degli uomini, con un’attività di sostegno già sperimentato per fronteggiare le difficoltà psicologiche in caso di abbandono o separazione”.

“Chiederò alla Regione – conclude la consigliera – di monitorare e  verificare le esigenze espresse dai centri antiviolenza e da tutte le associazioni che si occupano di questa drammatica emergenza. Ma non solo. Mi auguro che il Veneto faccia da apripista, indossando una virtuale maglia rosa, spronando la politica nazionale a un intervento legislativo serio ed efficace. È assurdo che persone certificate come violente, siano condannate semplicemente agli arresti domiciliari con le conseguenze che purtroppo abbiamo visto anche oggi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *