Breaking News
Bucarsi a Campo Marzo. Un fotogramma del video diffuso da Vicenza ai Vicentini
Bucarsi a Campo Marzo. Un fotogramma del video diffuso da Vicenza ai Vicentini

Campo Marzo, si bucano sotto la giostra

Vicenza – “Inaccettabile! E’ inaccettabile che si verifichino episodi come questo in un luogo dove è presente l’esercito e dove abbiamo un presidio fisso della polizia locale. Chi non si comporta secondo le regole deve essere allontanato. Tanto più se succede in pieno giorno e a pochi passi da una giostra per bambini”.

E’ quanto scrive oggi in una nota il sindaco di Vicenza, Francesco Rucco, commentando un video, diffuso su Facebook dall’associazione Vicenza ai Vicentini, nel quale si vede un gruppo di giovani seduto sotto una giostra di Campo Marzo ed uno di essi che si inietta qualcosa nel braccio con una siringa.

Si sta drogando proprio sotto gli occhi dei bambini? E’ certamente così purtroppo. Scene simili erano frequenti nelle nostre città, tanti anni fa. Oggi invece meravigliano e, soprattutto, sconcertano. “Venerdì sarò dal prefetto – continua il sindaco – per un incontro già in programma sulla sicurezza e sottoporrò la questione anche a lui. Se non basta quello che stiamo facendo, bisogna fare di più e ognuno si deve prendere le proprie responsabilità”.

A conti fatti quindi, sono le azioni come questa che offrono, alle forze più conservatrici, la migliore opportunità per chiedere giri di vite sempre più decisi, e per cercare una sempre maggiore limitazione delle libertà personali di tutti.

“Troppi anni di lassismo e di permissivismo – prosegue infatti Rucco – ci hanno consegnato una città che ha bisogno di più presenza delle forze dell’ordine, e un luogo come Campo Marzo dove è necessario intervenire con maggiore forza. Lo abbiamo detto anche ieri al ministro degli Interni Salvini: servono più agenti e serve che gli agenti siano messi nelle condizioni di agire con adeguata strumentazione. Il ministro ci ha assicurato il suo appoggio, ma ognuno di noi deve fare la propria parte”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *