Breaking News
Campo Marzo ripulito da siringhe e cocci di vetro

Campo Marzo ripulito da siringhe e cocci di vetro

Vicenza – Una quindicina di siringhe sono stare trovate ieri, a Campo Marzo, a Vicenza, per lo più nei cestini e fra le siepi, dagli uomini di Aim Ambiente nel corso di una pulizia straordinaria dei 130 mila metri quadrati del parco cittadino. Iniziata prima dell’alba, alle sei, l’attività di pulizia straordinaria è andata avanti fino a mezzogiorno, ad opera di cinque operatori muniti di pinze e contenitori rigidi con chiusura di sicurezza.

Hanno battuto a tappeto, fianco a fianco, tutta l’area verde compresa tra viale Eretenio e viale Ippodromo, comprese le aree sgambettamento cani, le sponde della Seriola e l’area retrostante l’ex bar Moresco. Nel frattempo un altro operatore si è dedicato a pulire e controllare i cestini lungo i vialetti.

“Campo Marzo deve tornare ad essere un’area pulita e vivibile – ha commentato il sindaco, Francesco Rucco -. Per questo stiamo agendo su più fronti: non solo azioni di contrasto alla spaccio con azioni come il presidio fisso della polizia locale e l’intensificazione dei controlli da parte delle forze dell’ordine, ma anche recupero del decoro urbano, oltre ad attività di prevenzione e di intervento sul territorio dal punto di visto sociale, attualmente allo studio con l’Ulss”.

Il sindaco ha riferito che le segnalazioni e le richieste di intervento nelle aree verdi sono sempre state frequenti fin dal primo giorno del suo insediamento, con particolare riferimento all’area di sgambettamento dei cani sul lato di viale Eretenio.

“Complice l’alta siepe che la delimita – ha infatti spiegato Rucco -, qui molti consumatori di sostanze stupefacenti si rifugiano per consumare droga o per gettare siringhe. Per dissuadere tali comportamenti faremo quindi diradare e abbassare la siepe. Mentre operazioni di pulizia come quella eseguita stamane saranno effettuate  periodicamente, in particolare in primavera ed estate”.

“Un servizio di pulizia – ha comunque precisato il direttore di Aim Ambiente Ruggero Casolin – viene effettuato quotidianamente e addirittura due volte al giorno, lungo viale Dalmazia nei festivi. Ma solo con un’operazione accurata e profonda possono essere controllati anche tutti gli anfratti e i punti più nascosti. Altrimenti, in un’area così grande, se non arriva la segnalazione puntuale, è difficile scorgere una siringa gettata in mezzo all’erba”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *