Breaking News
Il complesso edilizio di Borgo Berga, a Vicenza, visto dall'alto
Il complesso edilizio di Borgo Berga, a Vicenza, visto dall'alto

Borgo Berga, Sviluppo Cotorossi: “Sì al confronto”

Vicenza – “La decisione del Tribunale di Vicenza su Borgo Berga è l’ulteriore conferma della correttezza e perfetta legalità della nostra condotta, che ribadiamo da molti anni. La scelta di accogliere la nostra istanza e procedere al dissequestro del Lotto E, dal nostro punto di vista, è la naturale giusta conseguenza di quanto già chiarito dal Tribunale del Riesame e dalla Cassazione: il Piruea ex-Cotorossi è pienamente regolare, legittimo e può essere attuato interamente fino al completamento di tutti gli edifici”.

Sono le parole con le quali la società Sviluppo Cotorossi interviene, oggi, dopo la revoca dei sigilli posti al lotto E del complesso di Borgo Berga, a Vicenza, e conferma la disponibilità al confronto con l’amministrazione comunale del capoluogo berico.

“Questa è la fondamentale certezza da cui ripartiamo – continua la società -. Se l’amministrazione comunale ha volontà inerenti l’area del Lotto E diverse da quanto previsto nella convenzione vigente, ha il diritto di avanzare una sua proposta. Noi saremo, come abbiamo sempre dimostrato, disponibili al confronto, per modificare o revisionare la pianificazione urbanistica. Ovviamente nel rispetto dell’economia dei nostri piani industriali. Per ora la nostra attività si sta concentrando nel completamento dei quattro edifici insistenti sulla penisola, che porterà all’ultimazione nei primi mesi del 2020”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *