venerdì , 26 Febbraio 2021
Rucco eletto presidente della Provincia
Francesco Rucco

Tessera della Lega a Rucco? Critiche dalla minoranza

Vicenza – Ha fatto un certo rumore, nella nostra città, un articolo di oggi, sul quotidiano Il Giornale di Vicenza, secondo il quale il sindaco di recente eletto, Francesco Rucco, si sarebbe iscritto (o potrebbe farlo presto) alla Lega. Non che meravigli più di tanto, in Italia, una notizia del genere, sebbene in effetti Rucco sia stato eletto come candidato civico, pur avendo la Lega tra i partiti della coalizione che lo sosteneva. Nel povero, martoriato e sfortunato Bel Paese dei nostri tormentati anni è infatti consuetudine diffusa quella di correre in soccorso del più forte, di cercare di salire sul carro del vincitore. E la Lega, questo è indiscutibile, è il soggetto politico che adesso ha il vento in poppa…

In un’altra nazione occidentale, una di quelle con le quali speriamo ancora di poterci confrontare, quanto sopra sarebbe forse disdicevole, ma nella penisola vediamo, purtroppo, ben di peggio. Tuttavia, negli ambienti politici, sembra destare critiche un’eventuale tessera leghista nel taschino di Rucco, ad esempio tra i consiglieri comunali di opposizione a Vicenza, come Sandro Pupillo e Giovanni Selmo, della lista di Da adesso in poi, che il 4 marzo scorso sosteneva l’avversario dell’attuale primo cittadino, ovvero Otello dalla Rosa.

“Restiamo sconcertati  – scrivono oggi in una nota Selmo e Pupillo – di fronte alla notizia della possibile iscrizione del sindaco Rucco alla Lega di Salvini. Per noi l’impegno civico è una cosa seria e non una bandiera da sventolare in campagna elettorale per essere poi riposta in un cassetto dopo il voto. Già durante la campagna elettorale girava una voce inquietante: che l’iscrizione alla Lega fosse proprio il prezzo che il partito di Salvini aveva chiesto al candidato Rucco per garantire l’appoggio alle elezioni, rompendo il patto con Forza Italia. E se a pensar male si fa peccato ma si indovina, le notizie di queste ore sembrano proprio confermare questa ricostruzione”.

“Un altro elemento che ci induce a pensare che la circostanza sia vera – continuano – è che questa mattina sono comparsi sui social network alcuni post di consiglieri comunali della maggioranza che ironizzavano sulla notizia, etichettandola come una fantasia giornalistica. Questi post sono stranamente scomparsi nelle ore successive: non è che, per caso, qualcuno ha chiesto ai soggetti in questione di cancellarli perché la notizia è in effetti vera e pertanto non può essere smentita?”

“Rucco ha passato mesi a descrivere la sua come la vera candidatura civica, distante dai ricatti e dai condizionamenti dei partiti, salvo poi accettare di buon grado il sostegno di tutti i partiti e partitini del centrodestra pur di vincere le elezioni. Sarebbe a dir poco sconcertante se, a meno di cento giorni dalle elezioni amministrative, il sindaco si rendesse protagonista di un simile imbroglio ai danni dei propri elettori. In pratica avrebbero eletto un sindaco leghista, ma sotto mentite spoglie”.

“E di fronte a questa vera e propria presa in giro – concludono Selmo e Pupillo – qual è l’opinione di Forza Italia? Accetterebbe supinamente di essere stata presa in giro, confermando ancora una volta il suo ruolo subalterno alla Lega? E i civici della lista Rucco, la più votata alle ultime amministrative, accetterebbero di buon grado che il loro leader diventasse un uomo di partito nell’arco di qualche settimana? Poniamo queste domande, nella speranza che la notizia sia presto smentita perché, pur restando su sponde differenti, speriamo che la nostra città sia amministrata da un sindaco che mantiene la parola data ai suoi cittadini”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità