Breaking News

Schio, PrimaNoi chiede fermezza contro il teppismo

Schio – Come abbiamo sottolineato in altre occasioni, condividiamo lo sforzo dell’amministrazione comunale di Schio finalizzato ad arginare gli atti di teppismo, oltre che delinquenziali, di alcune bande di giovinastri multiculturali che negli ultimi mesi hanno riempito la cronaca locale. Abbiamo condiviso l’ordinanza emanata dal sindaco per prevenire schiamazzi e garantire la sicurezza pubblica in Piazza Falcone Borsellino, come reputiamo prezioso il lavoro della vigilanza privata presente nella medesima piazza come in altre aree della città.

Affinché questo sforzo non rimanga uno spot, riteniamo necessario che si passi veramente alle sanzioni. Come sentinelle della sicurezza del comitato, in questi giorni abbiamo proseguito nel controllo di alcune aree sensibili, notando però che in Piazza Falcone Borsellino ci sono i soliti gruppi multiculturali che se ne infischiano dell’ordinanza che vieta di accedervi con le bottiglie. La prevenzione è un’ottima cosa, ma limitarsi ad allontanare questi gruppi molesti, i quali poi si spostano ai margini della piazza, serve relativamente a poco.

Secondo noi devono scattare le sanzioni, altrimenti questi ragazzi, per nulla intimoriti, nelle limitazioni non vedranno una punizione ma una sfida da raccogliere. E’ notizia di ieri lo sfondamento della vetrina del bar che si trova in piazza, un atto vandalico che qualcuno minimizzerà come una ragazzata, mentre abbiamo motivo di credere che rappresenti un atto di sfida da parte di coloro che pensano di poter trasgredire le regole rimanendo impuniti.

Invitiamo quindi il sindaco a dare un mandato chiaro alla sicurezza privata, affinché sia rispettata l’ordinanza, il che vuol dire coinvolgere al bisogno le forze di polizia. Il tempo delle mediazioni è abbondantemente finito. A buon intenditor, poche parole”.

Alex Cioni – Comitato di cittadini PrimaNoi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *