Breaking News

Schio, finiti i lavori alla scalinata di San Rocco

Schio – Si sono conclusi in questi giorni, a Schio, i lavori di rifacimento della scalinata di San Rocco, che collega Via Pasubio alla omonima chiesetta, costeggiando il muro perimetrale del complesso Jacquard. L’intervento ha comportato la rimozione della precedente gradinata, molto degradata. Sono stati anche recuperati gli elementi in pietra ancora riutilizzabili, in gran parte inseriti nel concomitante intervento sul Giardino Jacquard.

La scalinata è stata rifatta in pietra verdello e ciottolato (salizo) per mantenere le caratteristiche di quella originaria ma con standard di accessibilità moderni. E’ stata inoltre regimata l’acqua piovana raccolta dalla scalinata con una condotta che scarica sulla sottostante condotta fognaria di via Pasubio.  I lavori sono stati ultimati con l’installazione di un nuovo impianto di illuminazione pubblica che utilizza lanterne a Led, per il contenimento dei consumi energetici.

Un nuovo lampione è stato posizionato infine nel retro della chiesa di San Rocco, alla sommità della scalinata, per illuminare un’area che prima era buia. Per l’opera sono stati spesi in tutto 150 mila euro, dei quali 95 mila per lavori edili. L’intervento è stato affidato alla ditta Impresa edile Cvs servizi Srl, di Schio. Durante i lavori, più precisamente il 25 luglio, a causa delle forti piogge, si è verificato il crollo di una porzione del muro perimetrale di sostegno della scalinata stessa, per una lunghezza di circa venti metri.

Il muro è stato poi ricostruito con materiali che ne garantiscano sicurezza statica, dando nel contempo una finitura superficiale che richiama la muratura storica crollata. “Si è trattato di un intervento che restituisce alla città una parte di alto valore storico – ha commentato il sindaco di Schio, Valter Orsi -. Sono felice ed orgoglioso di vedere come questa azione sia riuscita al meglio. Un ringraziamento all’assessore Rossi ed ai tecnici del comune per il loro lavoro. Insieme, si è fatto buon gioco di squadra”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *