Breaking News
Lo stadio Renzo Barbera di Palermo - Foto Di Giovanni Prinzi (CC BY-SA 4.0)
Lo stadio Renzo Barbera di Palermo - Foto Di Giovanni Prinzi (CC BY-SA 4.0)

Il Vicenza perde a Palermo, ma solo ai rigori

Palermo –  Il Vicenza esce sconfitto dal confronto diretto con il Parlemo, ed esce in questo modo anche dalla Coppa Italia, ma lo fa a testa alta. Il Lane ha ceduto di fronte alla squadra avversaria infatti solo ai rigori, dopo essere andata in vantaggio per due volte ed essere stata raggiunta, in entrambi i casi, dai rosanero. Un peccato dunque, ma il test è stato certamente positivo e di buon auspicio per il futuro e per una pronta risalita in categorie più consone alla squadra biancorossa. L’avversario di oggi, non va dimenticato, è una delle formazioni più titolate della serie B, e nella scorsa stagione ha sfiorato la promozione in serie A.

Il Vicenza, questa sera non ha avuto alcun timore reverenziale, si è giocata le sue chances a viso aperto, facendo la sua partita e dimostrando coesione e buone doti. Il primo tempo è finito a reti inviolate, con una buona prova dei biancorossi. Va allo stesso modo praticamente tutto il secondo tempo, fino al recupero, quando al 91′ l’arbitro fischia un rigore a favore del Vicenza, per un fallo di Haas su Sevanin. Giacomelli va sul discetto e non sbaglia. E’ 0-1 e sembra fatta. Invece dopo due minuti, il Palermo pareggia il conto, con un colpo di testa di Rajkovic, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, solo pochi istanti prima che l’arbitro fischi la fine dell’incontro.

Incontro che a questo punto prosegue con i tempi supplementari, all’inizio dei quali i veneti confermano di essere capaci di pungere ancora. E trovano infatti il secondo gol al 10′ del primo tempo supplementare, con un sinistro ad effetto di Tronco. Ma ci sono ancora molti minuti da giocare, e alla fine, al 12′ del secondo tempo supplementare, arriva il nuovo pareggio dei padroni di casa, sempre con Rajkovic, e sempre di testa.

E’ 2-2 dunque, e qualche minuto dopo inizia la snervante lotteria dei rigori: sette tiri per ciascuna squadra, con i giocatori che si alternano in questa che è forse la più crudele roulette del mondo del calcio giocato. I biancorossi ne sbagliano due, uno soltanto viene invece fallito dai rosanero, che vincono così la partita e vanno avanti. Il Vicenza però esce tra gli applausi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *