La Regione investe sull'Altopiano di Asiago

La Regione investe sull’Altopiano di Asiago

Asiago – La giunta regionale del Veneto ha dato oggi il via libera alla pubblicazione dei bandi per finanziamenti a favore del comparto turistico dell’Altopiano di Asiago, iniziativa dunque che interessa anche i comuni di Conco, Enego, Foza, Gallio, Lusiana, Roana e Rotzo. “Tutto secondo le previsioni –  ha spegato l’assessore regionale al turismo Federico Caner – e nel rispetto della Strategia per le aree interne, a cui questi territori appartengono, cioè quell’iniziativa di sviluppo locale innovativa che si attua anche attraverso una riserva di fondi comunitari del Por-Fesr 2014-2020″.

Due i bandi approvati oggi per l’Altopiano dei Sette Comuni: uno  eroga  contributi per lo sviluppo e il consolidamento di reti di imprese e di club di prodotto nel settore turistico, l’altro per investimenti innovativi nel settore ricettivo. La Regione stanzia complessivamente 1,5 milioni di euro del Fesr, con l’obiettivo di accrescere la competitività dell’offerta, attraverso il concreto sostegno agli imprenditori del settore disposti ad ammodernare le proprie strutture e a potenziare i servizi rivolti agli ospiti.

La strategia elaborata per l’Altopiano di Asiago punta a un turismo rispettoso dell’ambiente, a una proposta capace di valorizzazione il paesaggio e l’identità locale, attraverso due ordini di interventi, corrispondenti ad altrettanti bandi: Incentivando la messa in rete delle strutture ricettive, che attualmente risultano frammentate, e contribuendo al riposizionamento delle imprese e della destinazione, migliorando l’accoglienza turistica nel territorio con l’innovazione, la sostenibilità e l’accessibilità (finanziamento con fondi Fesr per un milione di euro). Copia integrale dei bandi sarà presto pubblicata nel Bollettino ufficiale della Regione Veneto e sul sito istituzionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità