Caldo, c’è scarsità idrica nel basso vicentino

Noventa Vicentina – Le temperature eccezionalmente elevate di questi giorni hanno fatto salire fortemente i consumi di acqua potabile. Nei comuni di Noventa e Sossano, e più in generale nel basso vicentino, il sistema idrico sta funzionando al massimo della sua potenzialità di filtraggio e la fornitura non può essere ulteriormente incrementata. A Noventa Vicentina, già nei giorni scorsi, vi sono stati disagi ai piani più alti delle abitazioni, ma anche a Sossano e in altri comuni della zona, nei prossimi giorni, il sistema idrico potrebbe non essere in grado si soddisfare del tutto il fabbisogno d’acqua potabile.

Per questo Viacqua e i comuni interessati raccomandano un uso attento e responsabile della risorsa. “Abbiamo emesso oggi un’ordinanza che vieta di adoperare l’acqua dell’acquedotto pubblico per innaffiare orti e giardini, lavare automezzi, riempire piscine e per quant’altro non sia strettamente necessario al fabbisogno umano” ha avvertito il Sindaco di Noventa, Marcello Spigolon. In questo periodo insomma, il consumo deve essere limitato ai soli usi domestici, in particolare nelle ore diurne. “Invitiamo tutti i cittadini – ha sottolineato anche il sindaco di Sossano, Flavio Alberto Caoduro, –  a fare la loro parte e ad adottare ogni accorgimento per contenere i consumi.”

“Poiché le alte temperature – ha poi detto Angelo Guzzo, presidente di Viacqua – e l’assenza di precipitazioni nei i prossimi giorni non fanno prevedere una diminuzione della richiesta d’acqua, la nostra azienda sta affrontando il problema assieme agli altri gestori coinvolti, ovvero Acque Veronesi e Acquevenete, ed è già stato attivo un tavolo tecnico per individuare insieme le misure da attuare per garantire la continuità della fornitura nel basso vicentino”.

Oltre ai divieti già prescritti dai comuni, Viacqua rinnova l’invito ad utilizzare  accorgimenti efficaci a contenere i consumi, come l’installazione di frangigetto sui rubinetti (possono consentire un risparmio anche del 50%), l’uso di contenitori e non di acqua corrente per lavare frutta e verdura e l’utilizzo di elettrodomestici a pieno carico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *