Cultura e Spettacoli

Vicenza, OpeNights con Chiara Luppi e Nick Righele

Vicenza – Ancora un fine settimana di musica a cielo aperto, a Vicenza, con le OpeNights della Società del Quartetto realizzate in collaborazione con Intesa Sanpaolo e Comune di Vicenza. Domani sera, venerdì 27 luglio, alle 21.15, nel cortile di Palazzo Leoni Montanari sarà di scena l’artista italiana di ascendenze armene Chiara Luppi, con un concerto che avrà come filo conduttore la voce al femminile della seduzione. Con lei ci sarà una band composta da musicisti di grande talento (Gianluca Carollo alla tromba, Mauro Beggio alla batteria, Giuliano Pastore alle tastiere e Davide Pezzin al basso) per presentare l’ultimo lavoro discografico della cantante, dal titolo “Tu”. Si tratta di un cd che contiene brani originali e cover di autori come Domenico Modugno, Paquito D’Rivera e Justin Timberlake.

Una laurea in architettura, una in canto jazz al Conservatorio di Castelfranco Veneto, studi in pianoforte e in teatro, Chiara Luppi è un’artista completa, una “cant-a-ttrice” come lei stessa si definisce. Dotata di una voce calda, sensibile, graffiante e di una notevole presenza scenica, il suo curriculum comprende la partecipazione a trasmissioni televisive e a musical di successo come il kolossal “Giulietta e Romeo” di Riccardo Cocciante e “I Promessi Sposi” di Michele Guardì. Dal vivo la cantante padovana, tra le altre, vanta collaborazioni con personaggi come Zucchero, Mario Biondi, Cesare Cremonini e Umberto Tozzi.

Alle 20,30, prima del concerto, ci sarà inoltre la possibilità di partecipare ad un assaggio d’arte: un percorso con letture brevi e frizzanti in alcune sale delle Gallerie, idealmente collegato con la proposta musicale. “Il canto inquieto delle sirene” è il tema proposto questa settimana, per conoscere una serie di opere legate all’antichità greco romana che raffigurano non solo le mitiche incantatrici dei malcapitati marinai, ma evocano una dimensione tempestosa, sommersa e notturna della passione amorosa.

Sabato 28 luglio invece, sempre alle 21.15, le OpeNights si trasferiscono al giardino del Teatro Astra, per una serata a tutto blues con la Nick Blues Band capitanata da Nick “Tigerboy” Righele, all’armonica a bocca e alla voce. Con la partecipazione dei fedelissimi Andrea Vanacore al basso e contrabbasso, Diego Bergamin alla chitarra e Roberto D’Alessandro alla batteria, la serata con Nick Righele e la sua band si rivolge non solo agli appassionati del blues, ma anche a tutti coloro che volessero scoprire un genere che ha segnato un’epoca e che ha fatto proseliti in tutto il mondo.

Avvicinatosi all’armonica da autodidatta, quando era ancora un ragazzino, con il passare degli anni Nick Righele si è specializzato in Chicago Blues e più in generale nelle sonorità d’oltre oceano tipiche degli anni ’50, avendo come punto di riferimento artisti come Little Walter, Sonny Boy Williamson II, Slim Harpo e James Cotton. Più tardi viene influenzato anche da sonorità più moderne elaborando un linguaggio personale che abbraccia più stili storici dell’armonica blues.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button