Pugno di ferro, a Vicenza, nei confronti dello stazionamento selvaggio di camper...
Pugno di ferro, a Vicenza, nei confronti dello stazionamento selvaggio di camper...

Vicenza, blitz contro la sosta abusiva dei nomadi

Vicenza – Primo blitz anti nomadi, a Vicenza, per sanzionare la violazione della recente ordinanza che vieta lo stazionamento abusivo dei camper in buona parte del territorio della città. E’ scattato alle 7.15 di questa mattina, lunedì 23 luglio, quando alcuni agenti della polizia locale si sono recati, con tre auto e un carro attrezzi, in via Scolari, a est della città, all’interno della cosiddetta “zona rossa”, dove sostavano alcuni mezzi in uso a famiglie nomadi destinatarie dell’ordinanza firmata dal sindaco a fine giugno per vietare la permanenza e lo stazionamento in alcune aree pubbliche cittadine.

Due proprietari dei quattro veicoli presenti sono stati denunciati, ai sensi dell’articolo 650 del codice penale, in quanto destinatari dell’ordinanza. Al proprietario del terzo mezzo, che fino ad oggi non era stato rintracciabile, è stata notificata l’ordinanza mentre il quarto non rientrava tra i trasgressori. Tutti e quattro i nomadi si sono allontanati spontaneamente dall’area senza bisogno che fosse utilizzato il carro attrezzi da parte della polizia locale.

“Si tratta – ha messo in evidenza il sindaco di Vicenza, Francesco Rucco, – della prima operazione per violazione dell’ordinanza, con denuncia penale, nella zona est della città. A inizio mese c’era stato un altro intervent,o fuori dalla zona rossa oggetto dell’ordinanza, e precisamente a Maddalene, per far rimuovere mezzi in uso a nomadi. Stiamo monitorando il territorio, concentrandoci su alcune zone di Vicenza, per contrastare il fenomeno della sosta abusiva che determina una situazione di grave degrado e notevole disagio per i cittadini. Nelle prossime settimane, come avvenuto in via Frescobaldi, metteremo in campo operazioni simili, sempre nella zona est, dove abbiamo maggiori segnalazioni di insediamento di famiglie nomadi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *