Breaking News

Schio immagina il ritorno del giardino in piazza Statuto

Schio – La sala del Lanificio Conte, a Schio, ha accolto con entusiasmo e calorosi applausi le proposte premiate nell’ambito della progettazione partecipata per la sistemazione di Piazza dello Statuto. Nella mattinata di sabato 8 luglio sono stati così resi noti i nomi degli autori delle proposte, in gran parte giovani. 88 erano state le idee di cittadini e non, per dare una chance di rinascita alla centrale Piazza dello Statuto davanti al Municipio, in passato provvista di alberature e spazi verdi e ridotta oggi a “triste parcheggio” come da più parti sottolineato.

È stato il designer Matteo Nabissi a guadagnare il podio e il premio di 3.000 euro classificandosi al 1° posto, seguito da Tommaso Gasparin e Serena Vianello con un premio di 1.000 euro. Al 3° posto Luigi Serio e Claudio Valcamonico con il premio di 500 euro. La “giuria popolare” si è invece espressa a favore della proposta presentata dallo Studio Architettura Dal Collo di Schio che ha ottenuto 68 voti sul totale di 999 totali dati dai visitatori delle proposte in mostra nei due week end precedenti. Lo stesso Studio ha ottenuto anche uno dei premi ex aequo assegnati dopo i primi tre classificati.

Gli altri sono: Alberto Bovo e Giulia Elizabeth Malley, Giada Galvan, Diego Peruzzo, Giorgio Scalzotto e Andrea Scalzotto, Rachele Sbabo, Paola Thiella, Officina Popolare. Due menzioni speciali ad altrettanti istituti scolastici cittadini: il Liceo artistico Martini e il Pasini che hanno presentato rispettivamente 6 e 9 proposte. Il sindaco di Schio, Valter Orsi, ha ringraziato quanti hanno collaborato per la riuscita di questo evento rinviando, a un vicino futuro, il prossimo passo da compiere per la realizzazione di tante belle suggestioni per ridare lustro alla piazza più importante della città. I premi in denaro sono stati messi a disposizione da Paolo Cestaro per conto del gruppo Famila. L’allestimento grafico dei pannelli per le diverse esposizioni è stato curato da Renzo Matino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *