Punto nascite a rischio chiusura a Valdagno

Venezia – “Dopo che il presidente Zaia ha raccontato a tutti la storiella dei punti nascita con due, tre, cinque stelle come gli hotel, è arrivato il responso del comitato percorso nascita nazionale che ha ribaltato tutto e dimostrato come ci sia fermati alle promesse. Zaia rispetti gli impegni presi e porti una delibera in Commissione”. Così il capogruppo del Pd in consiglio regionale Stefano Fracasso e il consigliere regionale Claudio Sinigaglia intervengono sulle notizie relative alla possibile chiusura di alcuni punti nascita nel Veneto, tra i quali c’è anche quello dell’ospedale di Valdagno.

“Zaia ha detto che nessun reparto sarebbe stato chiuso e adesso tiene il parere nel cassetto – sottolinea Fracasso -. A Valdagno, come in altre località tra le quali Piove di Sacco e Adria, ha illuso cittadini e amministratori con quelle che alla prova dei fatti si sono rivelate essere solo promesse. Di questa situazione il presidente della giunta deve rispondere: la programmazione non la fa il Ministero e non la fanno nemmeno i direttori delle Ulss. La scelta di mantenere il punto nascita a Valdagno è stata motivo di discussione tra i sindaci e di mobilitazione dei cittadini. Una volta assicurato che poteva continuare a operare non si possono tenere i pareri nel cassetto, pensando di potersene lavare le mani. Zaia rispetti quindi gli impegni presi e approvi una delibera da inviare in Commissione sanità”.

“A quanto pare – aggiunge Sinigaglia – il cambio del governo non sta portando novità sul fronte del rispetto dell’autonomia dei territori e ora con l’esecutivo gialloverde vediamo se Zaia giocherà ancora allo scaricabarile. Sicuramente le soluzioni proposte da Zaia per Piove di Sacco sono state del tutto insufficienti. E la continua discussione sulla presenza dei pediatri, ora a carico dell’azienda ora a carico dell’Ulss, ha indebolito il punto nascita dell’Ospedale dell’Immacolata”.

“È ora in partenza la discussione sul nuovo piano socio-sanitario – concludono Fracasso e Sinigaglia -. Zaia non pensi di giocare con le illusioni anche nella nuova programmazione. Al primo posto devono stare sicurezza, accessibilità, efficacia delle cure. Non le promesse”

Un commento

  1. Sacrosanto! Non avete idea dei rischi che correte a tenere aperti certi posti.
    Ps. sono un medico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *