Amsterdam by night… Nei Paesi Bassi la prostituzione è regolamentata
Amsterdam by night… Nei Paesi Bassi la prostituzione è regolamentata

Prostituirsi non è un reato, lo è lo sfruttamento

Vicenza – Ogni anno, con l’arrivo della bella stagione, assistiamo al solito teatrino della politica locale sul tema della prostituzione. Assieme alla presenza delle signorine, aumentano le polemiche su un fenomeno che alcuni politici  pensano di affrontare con la polizia locale e con provvedimenti come le multe agli automobilisti che si accostano a parlamentare con le prostitute. Provvedimenti, tra l’altro, già considerati incostituzionali da numerosi giudici.

A Vicenza, il consigliere Colombara propone di aumentare l’orario di servizio notturno della polizia locale. Eppure il consigliere dovrebbe sapere che gli agenti della locale non potrebbero nemmeno staccare verbali per sanzionare un automobilista, perché un organo diverso dallo Stato non può disciplinare la lotta alla prostituzione. Ciò esula dai suoi poteri, perché a una norma secondaria è vietato contrastare una norma di tipo primario: se la prostituzione non costituisce un’attività illecita è preclusa la possibilità di porre delle regole che creino ostacolo o intralcio allo svolgimento di tale libertà se non mediante leggi statali, come si desume dai principi espressi da un’altra sentenza della corte costituzionale.

Può sembrare un paradosso, ma le cose stanno in questo modo. Non si può chiedere ai cittadini di rispettare le leggi, se i primi a trasgredirla sono le istituzioni pubbliche. Indubbiamente i sindaci non hanno strumenti adeguati per affrontare un problema annoso come quello della prostituzione su strada, dal momento che può essere sanato solo dallo Stato attraverso la formulazione di leggi statali. E lo può fare in due modi: vietando l’esercizio della prostituzione su tutto il territorio nazionale, sanzionando quindi duramente non solo lo sfruttamento ma pure chi esercita la professione e i relativi clienti, o regolamentandola come già accade in altre nazioni europee.

Tutto il resto sono solo dei palliativi, comprensibili dal punto di vista amministrativo, ma a livello pratico servono a poco o nulla.  Si discute poi delle prostitute di strada, ma delle tante che esercitano in appartamento ne vogliamo parlare? Bando alle ipocrisie. L’attuale compagine governativa ha l’occasione storica di affrontare una questione che da troppi decenni è materia esclusiva della propaganda politica, ma alla resa dei conti, i sindaci rimangono senza strumenti adeguati o con normative giuridicamente quanto meno opinabili e incoerenti con l’ordinamento costituzionale. Salvini e Di Maio, ora tocca a voi!

Alex Cioni – Portavoce comitato PrimaNoi

Un commento

  1. todesco armando

    La prostituzione ha sempre svolto e svolge un positivo ruolo sociale a vantaggio degli uomini in difficolta’ e delle persone fragili e senza compagnia .sistemerei quindi un po’ la questione affinche’ non diventi un problema di dimensioni enormi per a citta’ ma la sostanza la terrei .in fondo cosa c’e’ di male se sono cose che facciamo tutti ? a.todesco ,solagna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *