Breaking News

Programma Italia-Croazia, altri 50 progetti in arrivo

Venezia – Quasi 120 milioni di euro in arrivo per i progetti “Standard” approvati dal programma Interreg Italia-Croazia. L’importo finanzierà un totale di 50 proposte progettuali ritenute idonee in sede di valutazione, su un totale di circa 200 richieste presentate. Il programma dispone di una dotazione totale di 201 milioni di euro provenienti dal Fondo europeo per lo sviluppo regionale (Fesr) per l’intero periodo di programmazione 2014-2020, di cui 18 milioni di euro sono già stati stanziati a favore dei progetti “Standard+” approvati lo scorso ottobre 2017.

Il programma Interreg Italia-Croazia, di cui la Regione del Veneto è autorità di gestione, ha l’obiettivo di valorizzare il territorio costiero che si affaccia sul mar Adriatico, sia sul fronte italiano che su quello croato, per dare inizio a nuove sinergie e collaborazioni in grado di potenziare lo sviluppo economico e migliorare la qualità dell’ambiente di quest’area e del mare sul quale si affaccia.

“La crescita blu, intesa come potenziamento dell’economia marittima nel rispetto della sostenibilità ambientale – spiega in una nota la Regione Veneto -, rappresenta il leitmotiv del programma Italia-Croazia, che ha lo scopo stimolare lo sviluppo marittimo mediante la costituzione di partenariati tra soggetti pubblici e privati con sede legale in una delle otto contee croate e delle 25 province italiane che si affacciano sull’Adriatico”.

“La quota del Fesr destinata al finanziamento di queste graduatorie – continua la nota – sarà pari a 101 milioni di euro, ai quali si aggiungono circa 18 milioni di euro di cofinanziamento (garantito a livello nazionale da risorse statali o direttamente dai beneficiari italiani e croati), per un totale complessivo di quasi 120 milioni di euro. Il contributo Fesr conferito ad ogni singolo progetto oscilla tra circa 800 mila euro e 2,5 milioni di euro”.

I progetti “Standard” finanziati sono così suddivisi:

  • 8 a sostegno dell’innovazione blu (16,6 milioni di euro del FESR);
  • 10 a sostegno della sicurezza e resilienza legate ai cambiamenti climatici e agli eventi calamitosi (19,1 milioni di euro del FESR);
  • 22 a sostegno del patrimonio culturale e naturale (44,5 milioni di euro del FESR);
  • 10 a sostegno del trasporto marittimo (20,7 milioni di euro del FESR).

“Una parte del Fondo – ha sottolineato l’assessore regionale alla programmazione Fondi Ue, Federico Caner, – è stata destinata a 54 partner veneti (impegnati su 31 progetti) per un totale di 13,2 milioni di euro (13% del totale Fesr finanziato), così suddivisi: 2,3 milioni a sostegno dell’economia blu, 2,3 milioni per l’adattamento ai cambiamenti climatici e la sicurezza rispetto ad eventi calamitosi e, circa 5,8 milioni a sostengo del patrimonio culturale e naturale, ed infine oltre 2,6 milioni per il trasporto marittimo”.

“Attraverso l’approvazione dei 50 progetti “Standard” – ha concluso Caner – il Programma Italia-Croazia riuscirà a far cooperare più di 460 partner distribuiti sul territorio italiano (circa 260) e croato (circa 200), innescando strategie di sviluppo di medio e lungo termine”. La lista dei progetti selezionati e finanziabili è consultabile nella sezione Call for Proposals – Results 1st Call del sito www.italy-croatia.eu e nella sezione “bandi, avvisi e concorsi” del sito della Regione del Veneto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *