Breaking News
La Marmolada al tramonto. Da sinistra Punta Penia, la cima più elevata, e il Gran Vernel - Foto di Dmitry A. Mottl (CC BY-SA 3.0)
La Marmolada al tramonto. A sinistra Punta Penia, e il Gran Vernel - Foto di Dmitry A. Mottl (CC BY-SA 3.0)

Marmolada, Caner: “Nuovo confine arbitrario e sospetto”

Venezia – “Una decisione arbitraria, unilaterale e lesiva di precedenti sentenze  e accordi condivisi”. A parlare è l’assessore al turismo della Regione Veneto, Federico Caner, mentre la decisione è quella dell’Agenzia del territorio di spostare il confine catastale tra Veneto e Trentino sulla Marmolada, secondo un nuovo tracciato diverso da quello concordato, nel 2002, tra i presidenti Veneto e della Provincia autonoma di Trento, e dalla sentenza del Consiglio di Stato del 1998.

“Lascia davvero sconcertati – continua Caner – aver ricevuto solo dopo un mese la comunicazione della decisione adottata dall’Agenzia del territorio il 24 maggio, quando il governo non era ancora stato costituito. Davvero uno strano tempismo per un organo governativo”. Caner considera inoltre inopportuna una decisione, “che ha per ora solo un valore catastale e non amministrativo”,  adottata mentre è ancora aperto il contenzioso davanti al Consiglio di Stato tra Veneto e Trentino sulla lunga e controversa vicenda dei confini sulla Marmolada”.

“Si dice che a pensar male si fa peccato, ma qualche volta ci si azzecca – suggerisce l’assessore veneto – e in questo caso mi chiedo da quali interessi sia stata indotta l’Agenzia del catasto a introdurre questa nuova linea geografica che non trova corrispondenza in nessun atto della querelle. Non vorrei che la nuova demarcazione catastale fosse motivata dall’esigenza di rendere possibile il ventilato progetto del comune di Canazei di realizzare un nuovo impianto di risaluta alla vetta della Marmolada, tutto in territorio trentino”.

“Insieme al presidente Zaia – prospetta Caner – stiamo valutando le azioni necessarie da intraprendere a livello legale, giudiziario e amministrativo per tutelare non solo gli interessi del Veneto, ma soprattutto il preminente interesse del simbolo stesso delle Dolomiti, patrimonio dell’umanità. Ricordo che la Marmolada è la vetta più alta della corona alpina tutelata dall’Unesco e, se venissero costruiti ulteriori impianti e strutture impattanti, l’Unesco potrebbe depennare le Dolomiti dalla lista dei siti tutelati”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *