Lupo, Berlato (FdI): “Gestirlo anche con gli abbattimenti”

Dal Gruppo consiliare di Fratelli d’Italia nel consiglio regionale del Veneto, riceviamo e pubblichiamo

*****

Venezia – Prendiamo atto con soddisfazione della decisione da parte della Lega di dare attuazione  alle proposte avanzate già da tempo da Fratelli d’Italia e culminate con la presentazione della mozione numero 230/2017 (primo firmatario Sergio Berlato), approvata a larga maggioranza dal consiglio regionale del Veneto, mozione che impegnava la giunta ad attuare una serie di iniziative per gestire il problema causato dalla presenza in Veneto dei grossi carnivori ed in particolar modo dai lupi.

Tra queste iniziative ricordiamo l’obbligo, per la giunta regionale, di risarcire i danni diretti ed indiretti provocati dai lupi entro e non oltre sei mesi dall’accertamento dei danni stessi, ma soprattutto chiedeva l’attuazione di un piano di gestione del lupo che deve prevedere il monitoraggio delle popolazioni di questo grande carnivoro, il censimento su basi scientifiche, il contenimento, anche tramite gli abbattimenti, dei soggetti in esubero tramite personale specializzato ed esplicitamente autorizzato dalle autorità competenti.

Tutto questo nel pieno rispetto delle normative comunitarie, come del resto viene già fatto in tutti gli altri paesi europei, in modo da rendere compatibile la presenza di questo grandi carnivori con le altre specie animali ma soprattutto con le attività umane esercitate su territori fortemente antropizzati come quelli veneti.

Siamo felici nel constatare che, anche in Veneto, qualcuno è passato dalla posizione ideologica “il lupo non si tocca” o ad altre posizioni esilaranti della serie “ sterilizziamo le femmine di lupo e spostiamo i maschi in altri territori” a posizioni più equilibrate come quelle da noi sempre sostenute che prevedono la gestione di questi grandi carnivori anche attraverso adeguati piani di contenimento.

Ci auguriamo che dalle dichiarazioni si possa passare alle azioni concrete, anche per evitare l’abbandono del territorio da parte dei nostri allevatori che non sopportano più di esser costretti a convivere con un predatore che rappresenta non solo un elemento di forte apprensione emotiva ma soprattutto un costo insopportabile per chi vive soprattutto nelle nostre aree collinari e montane.

Maturata questa posizione in Veneto anche da parte di altre forze politiche, ci auguriamo che il governo nazionale, prontamente sollecitato da una puntuale interrogazione da parte  dell’on. Maria Cristina Caretta, di Fratelli d’Italia, possa approvare quanto prima il Piano nazionale di gestione del lupo per dare adeguate risposte a chi vive e lavora sui nostri territori e che, grazie al proprio lavoro quotidiano, garantisce anche la manutenzione e la tutela dell’ambiente.

Gruppo consiliare Fratelli d’Italia del Consiglio regionale del Veneto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *