Breaking News
Venezia, Palazzo Balbi, sede della Giunta regionale - Foto: Alma Pater (CC)
Venezia, Palazzo Balbi, sede della Giunta regionale - Foto: Alma Pater (CC)

Dalla Regione 8 milioni per aiutare le Province

Venezia – Sette milioni di euro per aiutare le Province e la Città metropolitana di Venezia a dare continuità ai servizi sociali, in particolare quelli di assistenza extrascolastica ai minori disabili sensoriali, e oltre un milione di euro per le restanti funzioni non fondamentali, dando priorità alla Protezione civile, che gli enti intermedi continuano a svolgere nel territorio. Ammonta dunque a 8,1 milioni di euro il finanziamento complessivo che la Regione Veneto destina nel 2018 alle sei amministrazioni provinciali del Veneto e alla Città metropolitana di Venezia per pagare le funzioni, definite  non fondamentali dalla riforma Delrio, che tali enti continuano a svolgere.

“Anche quest’anno – sottolinea il vicepresidente della Giunta regionale Gianluca Forcolin, che ha la delega al bilancio ed agli Enti Locali – così come avviene dal 2015, da quando cioè la Regione del Veneto si è fatta carico degli ingenti  costi derivanti dalla riforma Delrio (40 milioni di euro per finanziare personale e funzioni provinciali divenute “non fondamentali”) , la Giunta regionale garantisce con risorse del proprio bilancio alcune importanti funzioni delle Province e della Città metropolitana. Nel 2018 Province e Città metropolitana riceveranno oltre 8 milioni di euro, di cui 7 milioni di euro per le politiche sociali, e in particolare per assicurare continuità sino ad agosto al servizio dei ‘lettori’ che affiancano i disabili sensoriali, mentre la restante parte sarà assegnata alle altre funzioni non fondamentali, con priorità alla copertura delle funzioni relative alla Protezione civile. Tale finanziamento ha ottenuto il parere favorevole e unanime della Conferenza permanente Regione – autonomie locali e dell’osservatorio regionale per l’attuazione della legge Delrio”.

“Con il riparto 2018 – conclude il vicepresidente – diamo continuità al percorso di stretta collaborazione e condivisione tra Regione ed enti intermedi che sta accompagnando verso un nuovo assetto amministrativo e istituzionale. Pur non condividendo l’impostazione della riforma nazionale, in Veneto abbiamo cercato di trovare una soluzione condivisa che dia garanzie ai cittadini, ai servizi nel territorio e al personale degli enti intermedi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *