Breaking News
Vicenza

Vicenza, giro di vite sulla sosta dei nomadi

Vicenza – E’ stata prorogata, a Vicenza, l’ordinanza che vieta la permanenza, lo stazionamento e la sosta delle famiglie nomadi nelle aree di parcheggio e sosta in una zona ampia della città. Ma non è tutto, l’ordinanza estende il divieto anche ad altre zone del territorio comunale della città. “Abbiamo deciso di prorogare l’ordinanza, fino a tutto novembre, e di inserire, tra le aree vietate, delle nuove zone, quelle cioè dove sono state riscontrate criticità” ha sottolineato il sindaco, Francesco Rucco.

Francesco Rucco
Francesco Rucco

Le nuove aree off limits per la sosta dei nomadi comprendono una parte della Riviera Berica, alcune vie in zona Fiera e viale Sant’Agostino fino ai confini con Arcugnano. “Nel frattempo – ha aggiunto il sindaco – cercheremo di capire se sarà possibile estendere il divieto a tutta l’area comunale, dopo aver verificato la legittimità di questa opzione dal punto di vista giuridico”.

Occorre sottolineare che nelle zone citate, tra il primo febbraio e il 15 giugno sono pervenute 71 segnalazioni di insediamento di famiglie nomadi, con 225 interventi delle pattuglie antidegrado del Comando della polizia locale, e con la richiesta di 23 interventi di Aim Ambiente per la pulizia straordinaria dei luoghi. In particolare il fenomeno si è intensificato tra l’11 e il 22 giugno con la richiesta di otto interventi di pulizia straordinaria. Il 19 giugno, nel piazzale di via dell’Oreficeria, erano stati abbandonati numerosi sacchi di rifiuti, sparsi a terra.

Nel dettaglio in via dell’Oreficeria su 171 controlli 153 sono risultati positivi, in viale della Scienza su 42 controlli 37 sono stati positivi, in via Rosselli su 12 controlli 8 positivi, in via Salvemini su 17 controlli 9 positivi. La polizia locale ha emesso 46 sanzioni per bivacco e imbrattamento del suolo pubblico. Il divieto, relativo alle vie già comprese nella precedente ordinanza e alle nuove vie, riguarda una dozzina di mezzi. Questo è l’elenco delle vie di Vicenza dove è vietato lo stazionamenti dei nomadi, mentre questa è la mappa del territorio interessato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *