Vicenza fa scuola nella cura delle patologie renali

Vicenza – Si è chiusa oggi, a Vicenza, nei padiglioni della fiera, la 36esima edizione del “Course on aki & crrt”, un appuntamento internazionale durato tre giorni su ricerca, innovazione e cura della malattie renali,  convegno che da più di 20 anni è accolto nella struttura congressuale vicentina di Italian Exhibition Group. Protagonisti ne sono stati più di 500 specialisti, provenienti da tutti i Ppaesi europei e da nazioni quali Cina, Giappone, India, Nuova Zelanda, Brasile, Cile, Filippine, Sud Africa.

Palcoscenico delle sessioni plenarie è stato il grande Palladio Theater, con i suoi 700 posti, assieme alle sale “Tiziano” e “Giotto”, che hanno ospitato seminari e workshop. Al primo piano del centro congressi vicentino invece è stata allestita una grande area espositiva riservata a enti, istituzioni e imprese partner della manifestazione. Obiettivo della tre giorni era offrire un corso dedicato a condividere i progressi più importanti nel campo della nefrologia, della terapia intensiva e della cardiochirurgia, grazie agli interventi di 50 tra i migliori scienziati e ricercatori del settore.

“Sono due decenni anni che organizziamo un corso internazionale a Vicenza – ha spiegato il professore Claudio Ronco, direttore del dipartimento berico di nefrologia dell’International Renal Research Insitute of Vicenza (Irriv), da sempre organizzatore del meeting -. Il nostro focus specifico è su una nuova disciplina che si chiama Critical Care Nephrology. Una disciplina ponte tra nefrologia e terapia intensiva. Ci lavorano specialisti di diverse discipline e ha un approccio olistico al malato, lo pone al centro della diagnosi e della terapia. Questa è una modalità nata proprio nel nostro ospedale, l’approccio è chiamato in tutto il mondo Modello Vicenza e ormai ha alle sue spalle un consolidata letteratura scientifica ed è adottato e  apprezzato in Italia e all’estero”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *