Breaking News

Vicenza, candidati sindaco a Campagna Amica

Vicenza – Nel weekend che precede le amministrative della città capoluogo, Coldiretti Vicenza ha invitato al mercato coperto di Campagna Amica in via Cordenons n. 4, in città, davanti all’ingresso del liceo Pigafetta, i candidati sindaco di Vicenza. All’appello hanno risposto, presentandosi all’appuntamento, Franca Equizi e Francesco Rucco, che hanno dimostrato attenzione per il settore agricolo e per l’agricoltura nella città capoluogo, ponendo l’accento sull’esigenza di riqualificare Vicenza, a partire dai quartieri, e considerando la vendita diretta, quindi i mercati, come un volano da non trascurare.

Il presidente provinciale di Coldiretti Vicenza, Martino Cerantola, accompagnando i candidati, ha illustrato il progetto di Campagna Amica. “Abbiamo intrapreso questo viaggio nel 2000 – ha detto -, con il patto per il consumatore, e proseguiamo convinti avendo recepito le istanze dei cittadini che coincidono con quelle del mondo agricolo: tutela dei prodotti e del territorio, tracciabilità e produzioni locali”.

“Da almeno 15 anni non acquistiamo più prodotti al supermercato – ha detto Franca Equizi, condividendo il concetto -, in quanto coltiviamo in casa frutta e verdure di vario tipo. Salvaguardare le produzioni agricole vuol dire anche tutelare il nostro territorio, che dobbiamo amare e sentire nostro nel cuore. In ogni quartiere dovrebbe esserci un mercato agricolo dei produttori, senza intermediari, che sfruttano chi produce ai danni del cittadino”.

Coldiretti ha inoltre sottolineato come spesso l’agricoltura cittadina sia trascurata, eppure il territorio comunale di Vicenza conta 231 aziende agricole ,che generano un fatturato di svariati milioni di euro. Questa situazione che è stata sottovalutata da  Francesco Rucco, che ha dimostrato una sensibilità particolare.

“L’agricoltura in città ha un valore fondamentale – ha messo in evidenza Rucco – e significa anche tutelare le aree verdi, oltre che azzerare il consumo ulteriore di suolo. Valorizzare e riqualificare i quartieri anche attraverso i mercati come questo di Coldiretti è fondamentale se si hanno a cuore la città e la sua vivibilità. Rispetto all’utilizzo dell’area dell’ex Camera di commercio, in cui sorge questo splendido mercato, credo sia discutibile l’ipotesi di Dalla Rosa di spostare degli uffici comunali. Bisogna riprendere in mano la città e lavorare, anche in team con le categorie, per ascoltare il mondo imprenditoriale e dare risposte che pure i cittadini attendono”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *