Breaking News

Tornano le auto storiche nella Leggenda di Bassano

Bassano del Grappa – Sarà ancora una volta la spettacolare cornice di Piazza Libertà a Bassano del Grappa il palcoscenico per l’arrivo della tappa conclusiva de “La Leggenda di Bassano Trofeo Giannino Marzotto”, manifestazione di regolarità organizzata dal Circolo veneto automoto d’epoca Giannino Marzotto, in programma dal 21 al 24 giugno 2018. Una grande cavalcata che partendo da Bassano, si snoderà tra le Dolomiti, le montagne più belle del mondo, patrimonio dell’Unesco.

Le protagoniste saranno le magnifiche cento vetture iscritte, tutte  Sport-Barchetta costruite dal 1920 fino al 1960 pezzi rari che hanno fatto la storia dell’automobilismo sportivo. Il programma della manifestazione, inserita nel calendario internazionale Fiva (Fédération internationale des vèhicules anciens) e Asi (Automotoclub storico italiano), è stato reso noto oggi a Bassano, presente anche Giovanni Cunico, assessore alla promozione del territorio e della cultura.

A presentare l’evento erano Stefano Chiminelli, presidente del Circolo veneto automoto d’epoca Giannino Marzotto e del comitato organizzatore, Daniela Colomberotto, segretaria esecutiva, Miki Biasion, due volte campione del mondo di rally, Massimo Vallotto, presidente del Museo Bonfanti Vimar e Jacopo Poli, proprietario delle Distillerie Poli che ospiteranno il pranzo finale e le premiazioni della gara. Il 22 giugno, l’edizione 2018 della Leggenda, prenderà avvio dal parco dell’istituto Fatebenefratelli di Cà Cornaro, a Romano d’Ezzelino, che farà da iniziale passerella per i gioielli in gara.

Alle 12.30 partirà la prima vettura, lanciando ufficialmente l’inseguimento al Trofeo Giannino Marzotto, per dirigersi alla volta del primo traguardo di tappa, Bolzano. Il 23 giugno auto e piloti affronteranno quella che è sicuramente la tappa più impegnativa, con i suoi 320 km, ma anche la più spettacolare. Dopo aver lasciato Bolzano le auto risaliranno la Valle dell’Isarco fino a Chiusa, da qui si valicherà il Passo delle Erbe, per discendere in Val Badia fino a San Vigilio, raggiungendo Dobbiaco. Poi la carovana proseguirà su un percorso all’ombra della Croda Rossa, fermandosi per una sosta al Passo di Monte Croce Carnico, dominato delle tre cime di Lavaredo.

Si sconfinerà quindi in Friuli Venezia-Giulia fino a Sauris, terra del prosciutto crudo, per poi lambire le Dolomiti Friulane, discendere la Val Cadore e risalire la Val di Zoldo. Un percorso durissimo che si concluderà ad Alleghe dopo un giro attorno al comprensorio del Monte Civetta. Il 24 giugno, nella tappa finale che parte da Alleghe, le vetture si dirigeranno verso il traguardo transitando prima per Feltre e poi per Sospirolo. Da qui la carovana scenderà la Valsugana percorrendo nell’avvicinamento finale le spettacolari Scale di Primolano. Si giungerà quindi a Bassano del Grappa per la tradizionale sfilata con presentazione in Piazza Libertà, dove le vetture sosteranno per farsi ammirare. Poi le vetture ripartiranno per l’ultima prova, il “Trofeo Città di Bassano”, messo a disposizione dalla giunta comunale bassanese, che si snoderà attraverso le suggestive vie cittadine.

Tra i personaggi noti che si metteranno alla guida dei bolidi in gara si conferma la presenza del due volte campione del mondo di rally Miki Biasion, al volante di una nuovissima Barchetta Dallara, alla sua prima uscita stradale, che gareggerà in compagnia di  Mario Peserico, amministratore delegato della maison svizzera di orologeria Eberhard & Co, sponsor dell’evento. Al via ci sarà anche Prisca Taruffi, giornalista e campionessa italiana di rally, figlia del celebre pilota e collaudatore Piero Taruffi, del quale ricorrono quest’anno i 30 anni dalla scomparsa. Presente anche Paolo Marzotto, presidente del comitato d’onore della manifestazione, e gradito ritorno alla Leggenda anche per Francesca Cavallin, attrice bassanese che ha recitato nella fiction televisiva Rai “Di padre in figlia”, ambientata e girata a Bassano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *