Breaking News

Schio, PrimaNoi: “Guardia alta sulla sicurezza”

Schio – “L’amministrazione comunale di Schio fa bene a non trascurare il tema della sicurezza che in città non è di secondaria importanza, come abbiamo avuto modo di constatare la settimana scorsa dopo il pestaggio e la rapina messa in atto, pare, da un gruppetto di africani”. Sono parole di Alex Cioni, portavoce del comitato PrimaNoi, secondo il quale la situazione dell’ordine pubblico in città non è a livelli tali da gridare al bronx ma “i segnali di una certa recrudescenza di fenomeni criminali e di vandalismo non vanno sottovalutati”.

Alex Cioni
Alex Cioni

“E’ importante fare di tutto – avverte Cioni – per evitare il radicamento di ogni forma di degrado urbano che, se minimizzato, rischia nel tempo di divenire assai più complicato da bonificare. Molto bene quindi il rinnovo delle convenzioni con tutte quelle associazioni che possono contribuire alla sorveglianza della città”.

Per il comitato, però, c’è anche un altro aspetto che va non va sottaciuto: “Negli ultimi anni – sottolinea – la forza di polizia che ha il compito principale di vegliare sulla città, pare non goda di ottima salute. Ci risulta che come organico la locale stazione dei Carabinieri non sia messa molto bene e che si trovi quasi in uno stato emergenziale, il che sta producendo una scarsa presenza dei militari nel territorio comunale”.

Cioni ricorda che questo è un problema oggettivo, che non riguarda solo Schio, e che viene da lontano a causa dei tagli e del blocco delle assunzioni attuati nel comparto sicurezza da tutti i governi degli ultimi anni. “A noi però risulta che Schio stia pagando più di altri questa politica – precisa il portavoce di PrimaNoi -, le cui conseguenze sono una difficoltà a coprire tutti i servizi necessari per dare alla città una presenza dell’Arma adeguata, non solo in termini di repressione ma sopratutto in termini di prevenzione”.

In tal senso il comitato invita il sindaco di Schio ad alzare la voce per farsi sentire adeguatamente presso le sedi opportune. Il comitato PrimaNoi conclude “prendendo atto con favore dell’impegno sin qui profuso dall’amministrazione comunale scledense, e confermando nel contempo le cosiddette sentinelle della sicurezza, già operative nell’attività di monitoraggio delle aree cittadine considerate più sensibili”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *