Rubano in un negozio di alimentari. Due arresti

Marostica – Si intensificano i servizi di prevenzione e repressione dei reati da parte della Compagnia carabinieri di Bassano del Grappa e, soprattutto, continuano ad aumentare le segnalazioni tempestive e puntuali dei cittadini. La notte scorsa, ad esempio, verso le 3, un abitante di Marostica ha chiamato il 112 segnalando forti rumori che provenivano dalla zona di via Beato Lorenzin, rumori a suo giudizio strani ed inusuali. L’operatore della centrale, intuendo che potesse essere in corso un crimine, ha subito inviato sul posto la pattuglia dell’Aliquota radiomobile in turno e quella della stazione di Lusiana, scesa a valle per altri accertamenti.

Le auto dei carabinieri hanno raggiunto la zona con grande rapidità, ed hanno individuato tre persone, a volto coperto, che si allontanavano di gran fretta dalla porta del magazzino di un negozio di generi alimentari. I tre sono stati inseguiti e due sono stati bloccati dai Carabinieri, mentre il terzo è riuscito a fuggire.

I tre avevano forzato la porta del magazzino, erano entrati nel negozio cercando subito la cassa. L’hanno però trovata vuota, salvo per un libretto di assegni che che hanno preso e che non è stato al momento ritrovato. I due malviventi bloccati ed arrestati dai carabinieri della radiomobile e della stazione di Lusiana sono un 19enne di Bussolengo, residente a Marostica, C.N., e un altro 19enne, di Bassano, residente a Molvena, L.I., entrambi accusati di furto aggravato in concorso.

Il terzo, pur essendo fuggito è stato identificato, in un 20enne del Burkina Faso, B.N, residente a Cartigliano, sarà denunciato in stato di libertà in concorso con gli arrestati. “Ancora una volta – tengono a mettere in evidenza i carabinieri – il binomio fra segnalazione tempestiva del cittadino e pronto intervento delle forze dell’ordine ha dato i suoi frutti”. Gli arrestati si trovano ora ai domiciliari a disposizione del Pm di turno, Giovanni Parolin, in attesa del rito direttissimo, previsto per la giornata di domani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *