La prevenzione stradale che non ti aspetti

Un lettore ci scrive…

*****

Egregio direttore,

anche se so che non cambierà proprio nulla, ci tengo ugualmente a scrivervi per raccontarvi quanto mi è successo non molte ore fa a Vicenza, in zona caserma Ederle. Parto segnalando un’auto, una Mazda grigia , che mi insegue a velocità sostenuta, affiancandomi e poi esponendo la paletta per farmi accostare. Ho avuto paura, e per questo non ho potuto vedere nemmeno chi era alla guida di questa vettura, anche perché i finestrini erano leggermente oscurati o forse erano resi oscuri dalle condizioni naturali di luce.

In quel momento, cercando di capire cosa stava succedendo, ho quasi rischiato un incidente, di sbattere contro un palo di cemento posto a lato strada, e mi sono molto impaurito credendo che fossero dei malviventi, visti i tempi che corrono. Ma ho accostato (e ancora adesso mi chiedo perchè l’ho fatto), con il batticuore e ancora confuso. Mi vedo scendere dall’auto due agenti della polizia municipale che, dopo un breve controllo, mi danno una sonora multa solo perchè avevo in mano (ma non lo utilizzavo) un telefono cellulare.

Mi faccio una domanda: è questa la prevenzione stradale? Rischiare che si verifichi un incidente per fare una multa a causa di un cellulare peraltro non utilizzato? Complimenti, al comune e al comando di Vicenza! Una cosa l’ho imparata, anzi ne ho imparate due: mai tenere in mano un cellulare anche se spento e soprattutto mai fermarsi se un’auto del tutto anonima, civile, come questa, vi intima di fermarvi. Se fossero stati dei malviventi, o chiunque altro con cattive intenzione, sicuramente non sarei stato qui ora a scrivervi.

Ringrazio di essere vivo, anche se ancora agitato nonostante siano passate diverse ore. Se mio padre o mia madre fossero stati al mio posto, alla guida, avendo una certa età, l’incidente e le relative conseguenze ci sarebbero sicuramente stati, e a quel punto avrei fatto ben altro che limitarmi al solo scrivere la presente.

Un cordiale saluto da parte mia, tra l’altro un vostro lettore

Nicola – Età 37 anni, Padova

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *