Breaking News
Mondiali di ciclismo, Rucco: “Un’occasione persa”

Vicenza, le indicazioni di Cna al nuovo sindaco

Vicenza – “Valorizzazione della cultura e riqualificazione del territorio, infrastrutture e servizi al cittadino, questione Fiera e lotta ai nodi del fisco e della burocrazia per le imprese. Sono questi i principali temi che la Cna di Vicenza indica al nuovo primo cittadino, Francesco Rucco, come prioritari per una politica che risponda alle più urgenti necessità delle imprese vicentine. A commentare l’elezione del nuovo sindaco del Capoluogo berico è la stessa presidente di Cna Vicenza, Cinzia Fabris, che si congratula con Rucco per la vittoria, augurandogli buon lavoro.

Cinzia Fabris
Cinzia Fabris

“Da parte nostra – aggiunge Fabris –  continueremo ad assicurare massima disponibilità al dialogo e alla collaborazione, partecipando attivamente alla vita amministrativa cittadina. L’auspicio è che l’operato della nuova squadra sappia portare avanti le battaglie che servono per aiutare un tessuto economico in timida ripresa, consolidando i risultati positivi ottenuti da chi è venuto prima e intervenendo con decisione dove invece c’è ancora da lavorare”.

La ricaduta positiva, per le imprese e le attività commerciali del centro storico, legata alle grandi mostre e alla valorizzazione del patrimonio cittadino è, secondo Cna Vicenza, l’indice più evidente di un percorso avviato nella giusta direzione dall’amministrazione uscente. “Però c’è ancora molta strada da fare – evidenzia Fabris -. Bene la scelta di far rinascere il centro portando turisti e visitatori, ma sono ancora troppe le serrande abbassate, e la politica non deve limitarsi ad essere attrattiva solo per i grandi marchi. Il cuore della città dovrebbe diventare vetrina dell’eccellenza artigiana che sa esprimere questo territorio, incentivando i piccoli produttori e i commercianti di qualità a replicare in modo diffuso la scelta vincente fatta con la Basilica”.

Non mancano, nell’analisi della associazione degli artigiani, riferimenti al rischio degrado di molti luoghi di Vicenza, dove la sicurezza percepita dai parte dei cittadini è oggi fortemente compromessa. “Un centro più dinamico è sicuramente più sicuro – ricrda la Fabris -, anche se è evidente che sostenere le attività imprenditoriali non basta. Per riportare qui le persone, e innescare un circolo virtuoso per botteghe e esercizi, serve una soluzione strutturale. Penso ad azioni che possano aumentare il senso di sicurezza dei cittadini, per esempio andando a recuperare i molti luoghi della prima cinta urbana che oggi purtroppo trasmettono incuria e senso di abbandono”.

La presidente di Cna parla anche di infrastrutture e di come cambierà il volto della Vicenza industriale e commerciale nei prossimi anni, magari con i grandi nodi infrastrutturali che la città è chiamata a sciogliere, su tutti la fermata della Tav e la nuova tangenziale. “Qui – dice – quello che manca è la certezza dei tempi dato che di annunci ne abbiamo sentiti molti, ma di cantieri per il momento abbiamo visto solo quello della bretella per Costabissara. Poi le grandi opere dovranno essere affiancate da una pianificazione urbanistica intelligente. Se Vicenza vuole continuare a contare senza correre il rischio di diventare capoluogo periferico bisogna riqualificare le aree artigianali, che devono diventare dei piccoli poli industriali moderni, innovativi e di prestigio, integrati nell’ambiente circostante. Spazi dove verde e tecnologia possano vivere in sintonia”.

“Altra partita importante – continua – è quella legata al peso della tassazione sulle imprese, con Vicenza che lo scorso anno si è confermata tra le realtà più virtuose d’Italia, seconda in tutto il Veneto. Qui ha inciso positivamente una politica di tassazione locale in grado di assorbire anche i piccoli aggiustamenti al rialzo della componente fiscale nazionale. Sono però valori ancora elevati, se osservati complessivamente. Per cui è necessario proseguire anche questo sforzo, meglio se lavorando in armonia con le amministrazioni contermini, in modo da esportare a macchia d’olio l’esempio positivo. Sul tema della burocrazia invece la pubblica amministrazione deve fare di più per digitalizzare i propri processi. Ne hanno bisogno professionisti e piccoli imprenditori, che per struttura non possono permettersi di togliere tempo al lavoro quotidiano per rapportarsi con l’ente pubblico”.

Infine, a proposito della fiera orafa, secondo la presidente di Cna Vicenza il futuro promette di aprire spiragli importanti, che la città deve essere pronta a cogliere. “Il nuovo padiglione – conclude Fabris – può essere il primo grande passo di un efficace progetto di rilancio per la Fiera di Vicenza. Ma dovremo lasciare da parte i campanilismi per guardare solo alle opportunità economiche e promozionali che il lavoro di rete porterà sul territorio. Si parla di potenziamento del polo, di integrazione con la fermata della Tav, di collegamenti intelligenti per valorizzare il turismo congressuale. Tutte belle idee che non debbono rimanere sulla carta”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *