Truffe agli anziani, continua l’operazione Fake Cops

Bassano del Grappa – Continua l’attività di contrasto alle truffe agli anziani dei carabinieri della Compagnia di Bassano del Grappa nell’ambito dell’operazione “Fake Cops”. Il Nucleo operativo e radiomobile della Compagnia, dopo approfonditi accertamenti investigativi è riuscito infatti a portare alla luce la responsabilità di Maurizio Savarese Maurizio, già arrestato nel febbraio scorso, per altri due episodi di truffa aggravata.

Maurizio Savarese
Maurizio Savarese

I due episodi si sono verificati a Vedelago (Treviso) e a Rossano Veneto, rispettivamente il 10 e 11 gennaio 2018, casi in cui Savarese ha operato fingendosi un avvocato e il riscossore di denaro nella truffa de “falso operatore delle forze dell’ordine”. La tecnica dei malviventi prevede sempre una telefonata in cui, ad una persona anziana, viene prospettato un gravie sinistro stradale in cui uno stretto congiunto ha una responsabilità tale da farlo finire in carcere, a meno che non sia versata una considerevole somma di denaro “per pagare un avvocato che lo tiri fuori dai guai”, un avvocato che si presenterà presso l’abitazione appena chiusa la conversazione.

Si è trattato di due episodi simili, nei quali il pluripregiudicato ha approfittato della buona fede di anziane ultraottantenni per impadronirsi di denaro e monili per decine di migliaia di euro, senza risparmiare nemmeno le fedi nuziali. Non sono accertati invece legami con gli arresti di marzo, sempre nell’ambito dell’operazione “Fake Cops”, le cui attività d’indagine continuano a tutto campo per debellare il fenomeno. Savarese è stato arrestato a Napoli grazie al supporto dei carabinieri della Compagnia Napoli Stella e sottoposto alla detenzione domiciliare con braccialetto elettronico.

L’appello dei carabinieri rimane sempre lo stesso: nessun appartenente alle Forze dell’Ordine o altro ente può chiedere denaro contante o altri beni per qualunque motivo. Non fate entrare sconosciuti in casa ed in ogni caso di dubbio chiamate tempestivamente i numeri di emergenza per richiedere aiuto presso il vostro domicilio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità