Breaking News
Il Campo nomadi di Viale Cricoli, a Vicenza
Il Campo nomadi di Viale Cricoli, a Vicenza

Rucco: “Dalla Rosa non dia lezioni su Rom e stranieri”

Vicenza – “L’arroganza con cui il candidato sindaco del Partito Democratico Otello Dalla Rosa parla di campi nomadi e di stranieri è imbarazzante – per lui – e ci offre l’occasione per togliere la maschera ad un centrosinistra che dice una cosa e poi, quando governa, fa il contrario”. Sono parole di Francesco Rucco, candidato sindaco di Vicenza per il centrodestra, rispondendo al suo avversario della fazione opposta, intervenuto ieri sulla questione, per altro chiedendosi quale fosse in realtà la linea in proposito del centrodestra vicentino.

“Faremo quello che dichiariamo, non come hanno fatto loro in tutti questi anni – risponde oggi Rucco -. Non siamo noi, ma il centrosinistra ad aver pagato le bollette ai nomadi con i soldi dei cittadini; non siamo noi che abbiamo consentito la nascita di un ghetto pericoloso intorno all’Hotel Adele, ma il centrosinistra; non siamo noi che abbiamo candidato nelle nostre liste il principale responsabile delle fallimentari politiche di gestione dei richiedenti asilo in provincia di Vicenza, l’ex prefetto Soldà, ma il centrosinistra; non siamo noi che abbiamo affidato la sicurezza della città all’ex questore, Dario Rotondi, che ha trasformato Campo Marzo in un pericolo per le famiglie con spaccio e violenze; non siamo noi quelli che promettono e non mantengono, ma loro; non siamo noi che consentiamo all’assessore Dalla Pozza di bloccare la città con le politiche masochistiche sul traffico e lo scarichiamo pubblicamente e politicamente durante la campagna elettorale, ammettendo di fatto il fallimento delle sue scelte e rendendosene inevitabilmente complici”.

“Se facessimo l’elenco delle promesse mancate e degli errori di cui Dalla Rosa è corresponsabile . continua il candidato di centrodestra -, non basterebbe questa campagna elettorale. L’inadeguatezza del centrosinistra a governare la città è sotto gli occhi di tutti. Sui campi nomadi e sulla gestione del problema degli stranieri il centrosinistra è gravemente colpevole, perché ha avuto tutto il tempo per risolvere i problemi. Invece abbiamo visto una maggioranza che sembrava affetta da sindrome bipolare perché è law and order di giorno e integralista dell’accoglienza di notte. Un film già visto con il Dal Molin, quando il partito di Dalla Rosa dichiarava No base americana, senza se e senza ma e il risultato è che l’unica opera che lascia in città il centrosinistra è il Del Din.”

“Dalla Rosa risparmi le sue lezioni di coerenza a noi e alla città – conclude Rucco -, per favore, perché il doppiopesismo si vede e se ne ricorderanno i vicentini il prossimo dieci giugno. Le nostre proposte sono chiare e le stiamo illustrando a chi ha capito che il centrosinistra non merita di governare perché la sua occasione l’ha già avuta e sprecata. E Dalla Rosa, che ne fa parte a pieno titolo, ne è corresponsabile, visto che non abbiamo notizia di sue prese di distanza dai fallimenti di questi dieci anni”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *