Una rapina… ma anche un po’ di marijuana

Tezze sul Brenta – Nel gennaio scorso i carabinieri di Bassano del Grappa aveva ricevuto notizia di una rapina, perpetrata ai danni di un giovane di 20 anni, di Cartigliano, all’interno di un parco pubblico di Tezze sul Brenta. Il ragazzo aveva dato una versione dei fatti secondo la quale, persone ignote e travisate, lo avevano assalito derubandolo del portafogli e di altri effetti personali, minacciandolo anche conuna pistola e procurandogli leggere lesioni. Una versione che però aveva fin dall’inizio lasciato perplessi

I carabinieri già conoscevano il soggetto, come assuntore di stupefacenti, ed hanno fatto subito tutti gli accertamenti del caso, per fare chiarezza sulla vicenda. Si è approfondito in particolare chi frequentasse il giovane, ed è emersa una cerchia di conoscenti abitualmente dedita al consumo di droghe leggere.

Forti dei nuovi riscontri, i carabinieri hanno avvicinato di nuovo la vittima della rapina, incalzandola per capire se quanto denunciato fosse realmente tutta la verità sui fatti. Il soggetto, dopo un’iniziale reticenza, ha poi ammesso che lo scopo della rapina era un modico quantitativo di marijuana in suo possesso, di cui si era vantato con alcuni conoscenti.

Si è potuto così ricostruire gli eventi, identificando i sei autori della rapina, che sono giovani del territorio bassanese fra i 17 e i 20 anni. Nel corso di una serie di perquisizioni effettuate ieri, è stata anche trovata una replica di revolver priva del tappo rosso, che era stata usata per la rapina e modiche quantità di marijuana ed hashish, che hanno portato a segnalare alla Prefettura sia gli autori che la vittima della rapina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità