Breaking News

Valdagno, il Comune illustra il Piano degli interventi

Valdagno – Un ciclo di incontri per illustrare ai cittadini di Valdagno il nuovo Piano degli interventi, adottato all’unanimità, dal consiglio comunale a fine aprile. L’iniziativa viene dall’amministrazione comunale con il fine di spiegare, nel dettaglio, i cambiamenti che questo nuovo strumento urbanistico, consultabile presso gli uffici comunali, introdurrà quartiere per quartiere. Per tutto il mese di giugno potranno essere depositate le osservazioni al piano, prima che questo passi di nuovo in consiglio comunale per l’approvazione definitiva.

La prima tappa di questo percorso, che avrà come relatori l’assessore all’urbanistica, Michele Cocco, e i tecnici della direzione pianificazione e gestione del territorio, è in programma lunedì 28 maggio, alle 18.30, nella sala parrocchiale di Castelvecchio, e interesserà in particolare i residenti di Castelvecchio e Cerealto. Più tardi, alle 20.30, ci si sposterà nella sala Aurora di Piana, per un secondo incontro.

“Il percorso del Piano degli Interventi, iniziato nel 2016, – sottolinea una nota del municipio valdagnese – sviluppa una visione di città, ne definisce l’identità nei prossimi anni, semplificando, sviluppando e applicando i meccanismi di concertazione in una rinnovata sinergia tra pubblico e privato. Vengono poi introdotti sistemi di incentivazione su riuso, residenza, prima casa. Importanti sono le scelte sviluppate nella definizione del Piano, dalla collocazione nell’Alto Vicentino al rapporto privilegiato con la valle e con il sistema delle città medie della pedemontana vicentina, guardando alla qualità urbana e del disegno urbanistico”.

“La città trova così la sua massima espressione nei luoghi pubblici e negli spazi del welfare (il sistema del parco fluviale, gli assi ciclo-pedonali interni, i servizi scolastici e sportivi). Non mancano le nuove volumetrie, ma di pari passo vengono stralciate anche alcune lottizzazioni pesanti e mai realizzate, limitando le aree di espansione e connettendole a servizi pubblici e forme di urbanizzazione che intendono migliorare la qualità della vita, andando incontro alle esigenze delle famiglie e verso una forte riduzione del consumo di suolo. Un occhio di riguardo viene riservato poi alla città storica, con una politica di semplificazione, rivolta al riuso e alla riqualificazione della Città Sociale e delle architetture del 900”.

“Per le aree industriali – conclude la nota – si favorisce la riqualificazione e la densificazione, limitando le superfici commerciali a fronte di incentivi diretti piuttosto al piccolo commercio e agli usi temporanei. Infine, la tutela del territorio, con incentivi per il mantenimento della residenza, il riuso di immobili, le strutture necessarie alla manutenzione, l’accento sulla sicurezza idrogeologica e sulla dimensione ecologica. Parola d’ordine sostenibilità, sulla strada già tracciata dal Paesc di valle”.

Di seguito il calendario delle serate in programma, oltre a quelle di lunedì. Martedì 29 maggio, ore 16, categorie economiche, ordini, professionisti (sala Soster di Palazzo Festari); giovedì 31 maggio, ore 18.30, Massignani (sede Gruppo Alpini); giovedì ore 20.30, Ponte dei Nori (Casa Lelia); martedì 5 giugno, ore 18.30, Campotamaso (Casa delle dottrina); martedì ore 20.30, San Quirico (sala parrocchiale); venerdì 8 giugno, ore 18.30, Maglio di Sopra (Salone delle suore – doposcuola); venerdì 8, ore 20.30, Novale/Novale Alta (Circola Ruetta); martedì 12 giugno, ore 20.30, Centro/Borne/Castello/ Oltreagno (sala Soster di Palazzo Festari).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *