Breaking News
Il presidio dell'8 aprile al parcheggio dell'ospedale San Bortolo di Vicenza
Il presidio dell'8 aprile al parcheggio dell'ospedale San Bortolo di Vicenza

Vicenza, stop parcheggiatori abusivi al San Bortolo

Vicenza – Parcheggiatori abusivi al San Bortolo nel mirino di Movimento Italia sociale e di Forza Nuova. Dopo la manifestazione di protesta, del 10 maggio, contro la presenza di carovane nomadi in via Savona a Torri di Quartesolo, i militanti delle due organizzazioni politiche focalizzano di nuovo la loro attenzione  sulla situazione del parcheggio dell’ospedale di Vicenza.

“Abbiamo perso il conto dei presidi che abbiamo messo in atto al San Bortolo – ha spiegato Gian Luca Deghenghi del Mis Vicenza – per chiedere all’amministrazione e alla Questura un’azione decisa e definitiva contro sbandati e parcheggiatori abusivi che molestano i cittadini davanti all’ospedale”.

Proprio per evidenziare quanto avviene quotidianamente, domenica 8 aprile, alcuni militanti hanno sostituito i parcheggiatori abusivi. Una provocazione che non è servita visto che, come spiega De Deghenghi “nulla sembra scuotere dal torpore il sindaco Variati. I controlli sporadici della polizia locale, che si sono dimostrati inutili, rimangono fino ad ora l’unica risposta”.

“Lanciamo, a nome dei vicentini, un ultimatum all’amministrazione – ha concluso -: o si cambia registro e si prospetta un’ipotesi seria per risolvere questa intollerabile situazione di degrado e di insicurezza, o i militanti del Mis e di Forza Nuova, a partire dai prossimi giorni, sorveglieranno a turno il parcheggio ad oltranza, pretendendo l’intervento di vigili e forze dell’ordine ogni volta che vedranno apparire i parcheggiatori abusivi”.

“Nutrendo poca fiducia in un tardivo ravvedimento di Variati – ha aggiunto Daniele Beschin, di Forza Nuova – estendiamo la richiesta di intervento al San Bortolo anche al prossimo sindaco. Intervenire sul degrado in zona ospedale, ricovero di barboni all’interno, con il parcheggio dei dipendenti in balia di sbandati e topi d’auto e quello esterno presidiato da parcheggiatori abusivi molesti ed accattoni. Questa, a nostro parere, dovrebbe essere una delle prime preoccupazioni del nuovo inquilino di Palazzo Trissino, in ambito sicurezza.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *