Lite dopo il lavoro. Un ferito grave ed un arresto

Arzignano – Dalle parole, un banale diverbio per futili motivi, due colleghi di lavoro in una conceria Arzignano, sono passati ai fatti, spinte e strattoni. E questa escalation ha avuto come epilogo un arresto, quello di un 30enne nigeriano residente a Montecchio Maggiore, accusato di lesioni personali gravi, e un ferito, un cittadino ghanese di 38 anni, che versa in gravi condizioni dopo aver battuto la testa sull’asfalto.

Come detto, le prime scintille tra i due si erano accese nel corso di un turno di lavoro e, proprio per questo, il tenore della lite era moderato, limitandosi ad un breve scambio di opinioni. Una discussione che però non ha soddisfatto il 30enne che ha così deciso di attendere il collega, concluso l’orario di lavoro, fuori dallo stabilimento di via Quarta strada, nella zona industriale. La lite è però degenerata e, dopo vari spintoni, il 38enne è caduto all’indietro, sbattendo con violenza il capo a terra e perdendo conoscenza.

Il personale sanitario dell’ospedale di Arzignano, intervenuto sul posto, si è subito reso conto della gravità delle condizioni del ferito, il quale, dopo la diagnosi, è stato trasferito, con eliambulanza, all’ospedale Borgo Trento di Verona. Attualmente l’uomo si trova ricoverano nel reparto di rianimazione del nosocomio veronese, in prognosi riservata.

Una pattuglia dei carabinieri di Arzignano si è invece messa sulle tracce del 30enne, che nel frattempo si era allontanato, dirigendosi verso casa. Ed è proprio nella sua abitazione che i militari lo hanno rintracciato e prelevato per accompagnarlo nella Stazione arzignanese. Raccolte tutte le testimonianze e alla luce delle gravi condizioni del ferito, ieri l’uomo è stato arrestato con l’accusa di lesioni personali gravi e poi accompagnato a casa, agli arresti domiciliari, in attesa dell’udienza di convalida.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità