Breaking News
Renzo Rosso - Foto Università Ca' Foscari di Venezia (CC BY-NC 2.0)
Renzo Rosso - Foto Università Ca' Foscari di Venezia (CC BY-NC 2.0)

Calcio, il sindaco di Bassano incontra Renzo Rosso

Bassano – Tiene banco in questi giorni, tra gli appassionati di calcio e non solo, la questione della vendita del Vicenza Calcio, ed in particolare l’offerta giunta da Renzo Rosso. L’imprenditore proprietario della Diesel possiede già, come è noto, il Bassano Virtus ed avrebbe in mente di fondere i due club in un ambizioso progetto di una unica squadra della provincia, in gradi di competere ad alti livelli. Se l’idea piace a molti, i tifosi più duri e puri si dividono. La nuova squadra giocherebbe le sue partite al Menti, e vestirebbe i colori biancorossi pur avendo una nota sulla divisa che richiamerà il Bassano.

Riccardo Poletto
Riccardo Poletto

E’ certamente ancora tutto da stabilire ma, se a Vicenza, tutto sommato si vede positivamente l’idea, a Bassano i tifosi non sono affatto contenti, temendo che si cancellerebbe di fatto la presenza del calcio nella città del ponte. Lo stesso sindaco bassanese, Riccardo Poletto, ha espresso dubbi e malcontento, e proprio su sua richiesta, c’è stato ieri sera un incontro tra lo stesso sindaco e Renzo Rosso, “per uno scambio di idee – si legge nella nota diffusa oggi dal Comune di Bassano – in seguito alla volontà manifestata dall’imprenditore bassanese di acquisire la squadra di calcio del Vicenza”.

“Si è trattato di un incontro molto cordiale e franco, – ha commentato Poletto -. Avevo appreso poco prima che il tribunale aveva scelto di dare tempo fino al prossimo 28 maggio per la presentazione di offerte per l’acquisizione del Vicenza e abbiamo parlato a lungo dei vari scenari che potenzialmente potranno presentarsi. In particolare ci siamo soffermati sull’esigenza di salvaguardare identità, storia e attività del Bassano Calcio. Ho trovato, da parte di Renzo Rosso, un atteggiamento molto disponibile e propositivo. Giovedì incontrerò anche le rappresentanze delle tifoserie per ascoltare i loro punti di vista e le loro preoccupazioni”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *