Breaking News

Vicenza, cambio ai vertici di “Non Dalla Guerra”

Vicenza – Cambio ai vertici di Non Dalla Guerra, l’associazione di Vicenza che si occupa di educazione alla pace nel territorio e che opera in Giordania tra i rifugiati siriani e iracheni. Dopo quasi un anno e mezzo Tommaso Carrieri, 24 anni, lascia la presidenza per l’impegno politico. Alle elezioni del 10 giungo, infatti, sarà uno dei candidati al consiglio comunale del capoluogo per la lista “Da Adesso in poi. Civici per Vicenza”, a sostegno della candidatura di Otello Dalla Rosa.

Tommaso Carrieri
Tommaso Carrieri

“È una decisone che ho preso dopo un’attenta valutazione – precisa Carrieri – e che nasce dalla volontà di mettermi al servizio in prima persona per il mondo dei giovani e per quello dell’associazionismo della mia città”. Poche settimane fa l’assemblea generale di Non Dalla Guerra si è riunita e per il momento è stata affidata la carica di reggente ad Anna Piazza, venticinquenne di Vicenza, laureata in psicologia, che finora ha rivestito l’incarico di vicepresidente.

“Continuerò a occuparmi delle iniziative dell’associazione – prosegue Carrieri -, ma con un ruolo diverso. Proprio l’esperienza maturata in questi tre anni di attività di Non Dalla Guerra, prima come cofondatore del progetto e dal novembre del 2016 come presidente, mi ha portato a decidere di propormi come candidato al consiglio comunale per le amministrative di giugno. Un’esperienza molto importante che mi ha dato la possibilità di lavorare a stretto contatto con diverse realtà locali dell’ambito giovanile e del volontariato e, quindi, di intercettarne esigenze e potenzialità che ora vorrei rappresentare”.

Nel frattempo continuano le attività dell’associazione: a maggio sono in programma alcuni appuntamenti di sensibilizzazione all’interno del cartellone del Festival Biblico a Vicenza e durante l’estate Non Dalla Guerra sarà ancora una volta impegnata nell’organizzazione di campi di volontariato in Giordania, che coinvolgeranno giovani provenienti anche da altri paesi europei.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *