Vicenza Calcio, asta deserta e niente ribasso nella prossima

Vicenza – Scadevano oggi i termini per la presentazione delle offerte per l’acquisto all’asta fallimentare della società Vicenza Calcio. Domani doveva esserci l’apertura delle buste e l’eventuale asta nel caso vi fossero state più offerte, ma non andrà così, dato che nessuna offerta è stata presentata e quindi sarà fatto un secondo tentativo a breve.

Per quanto riguarda i possibili acquirenti, l’ipotesi più concreta sembra essere quella che è stata definita la cordata francese, guidata dalla Football ItalFrance Global Investments, rappresentata da Brice Desjardins. Ma dovrebbe esserci l’interesse anche di un’altra cordata, guidata da Giampiero Samorì.

Quel che è certo è che per ora tutti hanno preferito rimandare, non fare offerte per ora, ed aspettare il secondo tentativo d’asta, che si terrà tra due settimane. Il giudice Giuseppe Limitone ha comunque assicurato che non ci saranno ribassi nel prezzo base d’asta, che è stato fissato come è noto a un milione e 470 mila euro.

E sarà solo l’inizio dato che si parla di un club di fatto da rifondare. Ricordiamo che nel bando di acquisto del Vicenza calcio c’è una clausola che consente di recedere se la squadra fosse retrocessa in serie D. E come è noto è uno spettro che aleggia questo, dato che il Vicenza è ultimo in classifica nel campionato di serie C.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità