Breaking News

Truffa dello specchietto, un classico che si ripete

Schio – Due auto affiancate, un rumore forte, un attimo di incertezza e poi un automobilista che accosta e scende dall’auto rimproverando il conducente dell’altra vettura: “Ma ha visto cosa ha fatto? Mi è venuto addosso e mi ha rotto lo specchietto laterale!”. E’ il canovaccio tipico della cosiddetta truffa dello specchietto rotto, un espediente molto usato da personaggi disonesti per spillare soldi, si parla di centinaia di euro, ad ignari automobilisti, che pensano sul serio di aver cagionato un danno e che, presi alla sprovvista, non hanno la lucidità necessaria per accorgersi del raggiro.

In realtà, spesso, il botto che si sente per giustificare il danno è provocato da un petardo, fatto scoppiare ad arte, nel momento giusto, proprio per simulare un impatto tra le due vetture. Ed è quanto è avvenuto anche oggi a Schio, in zona Santissima Trinità, così come segnalato alla centrale operativa della polizia locale Alto Vicentino. In questa occasione, però, si parla di una tentata truffa, perché l’automobilista non ha abboccato.

Questa mattina un uomo si trovava a bordo della sua auto ed ha sentito un forte botto all’altezza della fiancata della sua auto. Ovviamente si è subito fermato per controllare cosa fosse successo, e a questo punto sarebbe stato avvicinato da una persona dall’accento meridionale che lo avrebbe ripreso per avergli danneggiato lo specchietto retrovisore dell’auto con una manovra maldestra.

Il conducente si è però subito reso conto del tentativo di truffa ed ha prontamente informato il furfante che avrebbe chiamato i vigili. Visto la mal parata, quest’ultimo si è allontanato di gran carriera, facendo perdere le sue tracce.

“Considerato che altri episodi simili si potrebbero ripetere non solo a Schio ma anche nei paesi vicini – sottolinea una nota del comando di polizia locale – invitiamo a prestare la massima attenzione e, in caso, a contattare la centrale operativa al numero 0445 690111”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *