Breaking News

Omaggio a Grisha Bruskin a “Musica da un’esposizione”

Vicenza – Si terrà domani domenica 8 aprile, alle 15 e alle 17, l’ultimo appuntamento di “Musica da un’esposizione”, percorso in quattro tappe realizzato dall’Ensemble Musagète in collaborazione con l’area educazione delle Gallerie d’Italia Palazzo Leoni Montanari, sede museale e culturale di Intesa Sanpaolo a Vicenza. Il programma prende spunto dalla mostra, visitabile fino al 15 aprile alle Gallerie “Grisha Bruskin: icone sovietiche”. Ogni tappa della rassegna ha messo a fuoco alcuni aspetti salienti della produzione poliedrica di Grisha Bruskin, artista di origine russa che ha raggiunto un ampio consenso internazionale.

“L’ultimo appuntamento della rassegna – spiegano gli organizzatori – si concentra sul nero, ossia crepuscolo, ed è ha il suo nucleo tematico nell’idea dell’ombra e del suo significato formale e simbolico nell’ambito dell’arte figurativa e del pensiero filosofico legato all’espressività. L’ombra è ciò che nasconde lo sguardo e, al contempo, svela il tempo ideale dell’opera. Il percorso si snoda quindi attraverso diverse sale di Palazzo Leoni Montanari, per incontrare soprattutto importanti esempi di lettura nell’ambito di opere scultoree, dall’antichità greco-romana all’epoca barocca, riservando in conclusione un approfondimento particolare alla magnifica Collezione di un archeologo, realizzata da Grisha Bruskin tra il 2001 e il 2003″.

La musica che accompagna e fa da contrappunto al percorso è quella di Rodion Ščedrin (1932), compositore che ha vissuto in prima persona, come Bruskin, la storia e la caduta dell’impero sovietico. La composizione “Tre pastori”, per flauto, oboe e clarinetto, presenta una trama rapsodica e sognante e gioca con luci e ombre sonore, facendo comparire e scomparire gli strumenti. Anche qui torna quindi il tema dell’ombra, nella prospettiva del suono e della memoria. Protagonisti saranno i musicisti dell’Ensemble Musagète: Nicola Campitelli (flauto), Remo Peronato (oboe) e Luigi Marasca (clarinetto) e, per le riflessioni storico-artistiche Agata Keran. I percorsi di “Musica da un’esposizione” si svolgono in due turni e sono a numero chiuso, per cui è consigliata la prenotazione al numero verde 800.578875.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *