giovedì , 25 Febbraio 2021

Olimpiadi invernali, l’ipotesi Cortina resta valida

Venezia – Cortina è stata inserita tra le città italiane che hanno fatto pervenire al Comitato internazionale olimpico la candidatura per ospitare le Olimpiadi della neve 2026. A metterlo nero su bianco è stato, oggi, proprio il Cio con una comunicazione ufficiale. Tra le altre località italiane in lizza ci sono Milano e Torino, mentre per quanto riguarda le città estere, sono in corsa Graz (Austria), Calgary (Canada), Sapporo (Giappone), Stoccolma (Svezia), Sion (Svizzera) e Erzurum (Turchia).

“Senza polemiche – ha commentato appena ricevuta la notizia il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia -, mentre più di qualcuno già ipotizzava la sua esclusione, e in questo qualcuno, per essere chiari e non destare infingimenti, non metto il Coni, Cortina è stata inserita tra le città che hanno formalizzato la manifestazione d’interesse a ospitare le Olimpiadi”.

“La decisione del Cio è la dimostrazione – ha proseguito – che, a dispetto di qualcuno, la candidatura è stata presentata entro i termini regolamentari e sarà presa in considerazione secondo le modalità previste dallo stesso Comitato”.

“Lo ripeto – ha subito precisato – non si tratta di una candidatura contro qualcuno, ma rappresenta semplicemente l’opportunità di proporre al Comitato Olimpico una candidatura alternativa, all’insegna della neve e dello scenario delle Dolomiti, che sono Patrimonio dell’Unesco”.

“Cominciamo ora la fase del dialogo – ha concluso Zaia – un momento che, anche se non ve ne sarebbe bisogno, ci motiva e ci sprona ancor di più”.

Le candidature ufficiali saranno comunicate tra qualche mese, in ottobre, mentre per conoscere la città che ospiterà la kermesse olimpica si dovrà attendere il settembre 2019.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità